Astenersi ipocondriaci

Newsweek ha scelto le nove malattie più difficili da diagnosticare

Arriva zoppicando con il suo bastone da passeggio, tratta malamente il suo staff clinico e dopo qualche tentativo fallimentare salva la vita dei suoi pazienti. Gregory House, il medico della serie televisiva House MD, risolve casi medici ai limiti dell’impossibile da quasi sette anni e nel corso del tempo milioni di telespettatori in tutto il mondo si sono appassionati alle storie dei pazienti magistralmente salvati in ogni puntata, ma la realtà è spesso differente. Su Newsweek, Russ Juskalian ha selezionato nove malattie che sono a volte molto difficili da diagnosticare, partendo dall’anniversario della scoperta della malattia di Lyme (borreliosi) avvenuta 35 anni fa nel paese di Lyme in Connecticut.

Malattia di Lyme
Prima di essere scoperta nel 1975, questa patologia veniva spesso scambiata per l’artrite giovanile. A distanza di tanti anni dalla sua scoperta, la malattia continua a essere un enigma per i medici e spesso si rivela difficile da diagnosticare. La borreliosi si può presentare con numerosi sintomi e molti di questi sono del tutto simili a quelli causati da un normale raffreddore, dai dolori articolari e da patologie più gravi come la sclerosi multipla e il morbo di Alzheimer. Fortunatamente, una volta diagnosticata, la malattia può essere combattuta con i normali antibiotici.

Sclerosi Multipla
Capire quando un paziente è affetto da sclerosi multipla non è semplice, soprattuto nelle prime fasi di sviluppo della patologia. La malattia può presentarsi colpendo diversi centri nervosi e causando il malfunzionamento dei muscoli, o impedendo la corretta trasmissione dei segnali attraverso i nervi. In alcuni casi la malattia è costante e progressiva, mentre in altri casi si presenta a ondate con lunghe fasi di remissione nelle quali chi ne è affetto rimane stabile. La sclerosi multipla fu descritta per la prima volta a metà Ottocento, ma non c’è ancora un consenso unanime nella comunità scientifica su quali siano le cause che la scatenano. Si pensa che alla base della malattia vi siano una predisposizione genetica, cause ambientali e particolari infezioni che possono far poi scaturire i primi attacchi. La malattia è cronica e progressiva e ne esistono di svariate forme più o meno gravi. Non esiste al momento una cura, ma i farmaci consentono di tenerla a bada e rallentarne l’evoluzione.

Sindrome da fatica cronica (CFS)
Per la CFS non sono state ancora identificate le cause e non esistono test diagnostici ufficiali. La stanchezza è una costante di numerose malattie, dunque i medici devono escludere le altre patologie con test ed esami diagnostici prima di poter dichiarare il paziente affetto da CFS. Alcuni ritengono che la causa della malattia possano essere alcune forme di batteri, altri sostengono possa essere indotta da reazioni immunitarie scorrette, mentre altri ancora ritengono che possa svilupparsi in seguito a gravi problemi psicologici. Le ipotesi sono molteplici, ma a oggi non si sa che cosa effettivamente porti i pazienti a soffrire di una costante stanchezza.

Fibromialgia
Chi soffre di fibromialgia avverte fitte e dolori articolari e stanchezza ai muscoli. Per alcuni medici si tratta di un problema biologico, mentre altri ritengono si tratti di un disturbo prettamente psicologico. Insieme alla CFS, la fibromialgia ricade nella categoria delle sindromi irrisolte: i sintomi sono effettivamente reali, ma non c’è consenso sulle loro cause e mancano cure o terapie mirate.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.