• TV
  • mercoledì 11 agosto 2010

L’asta di Lost

La produzione mette in vendita oltre mille oggetti di scena: volete comprare un pezzo dell'Oceanic?

Si comincia il 21 agosto, ce n'è più o meno per tutte le tasche

Il 21 e il 22 agosto, nello storico Barker Hangar dell’aeroporto di Santa Monica, California, si terrà una gigantesca asta di oggetti di scena e cimeli di Lost.

Saranno messi all’asta oltre un migliaio di oggetti, compresi tutti i vestiti usati dagli attori durante le sei stagioni: prima dell’asta tutto il materiale sarà esposto per due giorni – biglietto d’ingresso: 40 dollari – in una sorta di museo di Lost che poi sarà impossibile replicare. Comprando il biglietto si compra pure un posto per l’asta, alla quale comunque si può partecipare anche per telefono o online, registrandosi per tempo su questo sito.

Si tratta davvero di un’asta notevole, anche al di là delle comprensibili nostalgie degli appassionati. La quantità di oggetti in vendita e sterminata e c’è praticamente di tutto: qualsiasi oggetto apparso durante le sei stagioni, qualsiasi vestito indossato dagli attori, tutto. Potete spulciare il catalogo per farvi un’idea, ma occhio che rischiate di passarci delle ore. La scheda di ogni oggetto comprende anche una valutazione di massima, così che ci si possa orientare prima dell’asta e decidere quanto spendere: comprare il furgoncino azzurro della Dharma vi costerà almeno 8 mila dollari, una cassa con 12 lattine di birra Dharma viene via a 200-300 dollari, che poi è il prezzo a cui potete acquistare la maggioranza degli oggetti.

Se avete tempo scaricate l’intero catalogo e leggetelo con calma: ci troverete carte d’imbarco, documenti ed effetti personali di tutti i personaggi, più un sacco di cose di cui vi siete dimenticati l’esistenza. Noi abbiamo selezionato per voi il meglio che abbiamo trovato.

La schedina vincente di Hurley – valore stimato: 600/800 dollari

La poltrona di lettura di Sawyer – valore stimato: 300/500 dollari

Un pezzo di fusoliera dell’Oceanic 815valore stimato: 3000/5000 dollari

1 2 3 4 5 6 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.