L’iPod negli anni Settanta

Se potesse tornare indietro nel tempo, Alex Vanarese tornerebbe indietro di quarant'anni per reinventare il design degli aggeggi tecnologici di oggi

Invece di immaginare grandi viaggi tra epoche storiche lontane o trucchi per vincere al Totocalcio sapendo già i risultati, se Alex Vanarese potesse tornare indietro nel tempo sceglierebbe di vivere negli anni Settanta ma portandosi dietro le conoscenze tecnologiche dei giorni nostri. Il motivo che spiega è semplice: rifare il design di tutti gli aggeggi elettronici adattandoli allo stile e al gusto del decennio dei pantaloni a zampa di elefante.
Vanarese vive a San Francisco, si occupa di design ed è un appassionato del colore rosso, almeno così racconta sul suo sito, dove ha esposto i frutti del suo immaginifico progetto.

L’idea di poter tornare negli anni Settanta si è così trasformata in una fantastica impresa grafica:

Ho sviluppato l’idea in questa serie di immagini dove reinterpreto quattro prodotti molto comuni del 2010 come se fossero stati progettati nel 1977: un lettore mp3, un laptop, un telefono cellulare e una console per videogiochi portatile. Ho poi creato una serie di volantini pubblicitari finti ma molto curati stilisticamente, così come una serie di poster.

Ho imparato che non c’è nulla di meglio nel design che l’anacronismo. Ho scoperto che il contrasto più forte non è spaziale o di tono, ma storico. Ho imparato che c’è il rétro, e poi c’è il viaggio nel tempo.


1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.