• Mondo
  • lunedì 21 giugno 2010

I dieci stati messi peggio al mondo

Curiosità statistiche sull'annuale classifica compiuta da Fooreign Policy e dal Fund for Peace

Ogni anno la rivista Foreign Policy e l’organizzazione indipendete Fund for Peace compilano la cosiddetta “lista dei paesi falliti”, con traduzione approssimativa dell’espressione “failed states” che si riferisce a un fallimento più ampio di quello economico. Oggi è stata pubblicata quella del 2010.
La classifica contempla infatti una serie di dodici indici per definire le condizioni di un Paese: indici demografici, economici, politici e sociali. Il rapporto del 2010 – al suo sesto anno – mostra la prevedibile distanza tra i continenti e sintetizza gli indici nella seguente classifica dei dieci Paesi messi peggio, guidata dalla Somalia, uno stato oggettivamente disintegrato dalle guerre interne.

1. Somalia
2. Ciad
3. Sudan
4. Zimbabwe
5. Congo
6. Afghanistan
7. Iraq
8. Repubblica Centrafricana
9. Guinea
10. Pakistan

Come si vede, sono sette paesi africani e tre asiatici. Nelle posizioni successive appare l’America Latina grazie ad Haiti, ma per il resto è ancora Africa e Asia.

11. Haiti
12. Costa d’Avorio
13. Kenya
14. Nigeria
15. Yemen
16. Birmania
17. Etiopia
18. Timor Est
19. Corea del Nord
20. Niger

Gli elementi geopolitici più immediati nel resto della classifica sono i seguenti:

– il paese europeo più vicino al fallimento è la Moldova, seguita dalla Bosnia (58 e 60: se escludiamo dall’Europa la Georgia, 37)
– dopo l’inguaiata Haiti, il primo paese non afro-asiatico nella classifica sono le isole Solomone (43)
– tra i grandi paesi europei, quello messo peggio è la Russia (80). Se vogliamo considerare solo quelli più esclusivamente europei, passati tutti gli stati est europei ci sono la Grecia (147) e l’Italia (149), che è quindi quello messo peggio tra i maggiori paesi europei (però ha guadagnato una posizione rispetto all’anno scorso).
– La Spagna è al 151 e la Germania al 157. Gli USA al 158, la Francia al 159, la Gran Bretagna al 161. Il Giappone al 164.
– Ribaltando la classifica, la prevedibilità dei paesi messi meglio supera forse quella dei paesi messi peggio.

177. Norvegia
176. Finlandia
175. Svezia
174. Svizzera
173. Irlanda
172. Danimarca
171. Nuova Zelanda
170. Austria
169. Australia
168. Lussemburgo

– Tolti i paesi europei e i due grandi stati oceanici, il paese messo meglio è il Canada (166)
– Tra i paesi ex comunisti, quello messo meglio è la Slovenia (156)
– Il paese africano messo meglio è il Ghana (122) seguito dal Sudafrica (115) e dal Botswana (113).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.