• TV
  • sabato 22 maggio 2010

Santoro, non è ancora successo niente

"Non esiste tecnicamente alcun contratto firmato e varato", spiega il Corriere della Sera

Il Corriere della Sera oggi riferisce che la questione dell'”uscita” dalla Rai di Michele Santoro è ancora tutta da definire e con implicazioni assai più articolate e illeggibili della semplificazione “Santoro lascia la Rai”.

Cosa accadrà adesso? Sul tavolo di Masi (e di Santoro) c’è un pre-accordo siglato. Non esiste tecnicamente alcun contratto firmato e varato. Anche perché qualsiasi uscita di Santoro dalla Rai, dopo la semplice informativa di martedì scorso votata dai consiglieri, dovrà tornare in Consiglio per essere approvata. E se Santoro ci ripensasse? Itinerario complicato. Masi sembra orientato a procedere per quella strada. E la presentazione dei palinsesti autunno-inverno, ormai privi di «Annozero», è prossima. Ma tutto può accadere, soprattutto dopo che il conduttore ha scoperto la clausola che gli impedisce di fare concorrenza alla Rai anche da collaboratore esterno. Addio, insomma, all’ipotesi di un circuito Tv alternativo. Restano i 2,5 milioni di buonuscita e il contratto per sette docu-fiction realizzate in proprio da Santoro da compensare con altrettanti milioni di euro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.