• Italia
  • venerdì 7 maggio 2010

Se uno li sa fare, gli exit poll funzionano

Alle ultime regionali in Italia le tv li hanno ritenuti inaffidabili al punto di non diffonderli

In Gran Bretagna, a fronte di vari fattori imprevedibili, hanno azzeccato tutto

Lo scorso marzo, in occasione delle elezioni regionali in Italia, le televisioni decisero all’ultimo istante di non diffondere gli exit poll che erano stati realizzati a urne aperte. Si disse che l’affluenza molto bassa aveva reso inaffidabili i modelli statistici, e questo aumentava il loro già alto grado di aleatorietà al punto da mettere a rischio la credibilità delle testate giornalistiche, qualora avessero deciso di utilizzarli e diffonderli.

La decisione aveva destato varie perplessità. In primo luogo per gli effettivi precedenti in Italia di exit poll che si rivelano clamorosamente errati: ci ricordiamo tutti di cosa successe per le elezioni politiche del 2006. In secondo luogo perché il crollo dell’affluenza era del tutto prevedibile – durante la campagna elettorale ci fu anche un dibattito sull’astensione motivata – e i modelli statistici probabilmente avrebbero potuto tenerne conto. Per fare un esempio: alle ultime presidenziali americane il numero dei votanti schizzò su livelli visti poche altre volte nella storia statunitense, la cosa era ampiamente prevista, gli exit poll si rivelarono corretti. I modelli statistici non sono immutabili: si cambiano, si aggiornano.

Facciamo un salto in avanti e arriviamo al 6 maggio, elezioni politiche in Gran Bretagna. Elezioni dal tasso di imprevedibilità altissimo – si è discusso per settimane di come la crescita senza precedenti dei liberaldemocratici avrebbe cambiato la struttura stessa della democrazia britannica – e dall’affluenza molto alta, per gli standard del Regno Unito, tanto da generare un bel po’ di caos ai seggi. Alle 23 ora italiana, orario di chiusura dei seggi, BBC, ITV News e Sky News hanno diffuso il loro exit poll, che vedeva i conservatori avanti con 307 seggi, seguiti dai laburisti con 255 seggi e i libdem con 59 seggi. Dopo un’ora, quando solo un collegio era stato scrutinato, hanno fatto una correzione. Queste le cifre che hanno dato:

Conservatori 305, laburisti 255, liberaldemocratici 61, partiti minori 29.

In questo momento lo spoglio è finito (manca solo un seggio, nel quale il voto è stato posticipato a seguito della morte di un candidato). Questi i risultati.

Conservatori 306, laburisti 258, liberaldemocratici 57, partiti minori 28.

Visto? A saperli fare, gli exit poll funzionano.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.