Sgarbi rimosso dall’iPhone

Iniziano a circolare le applicazioni dedicate ai personaggi politici: Brunetta, De Magistris e ovviamente Berlusconi

L'applicazione dedicata a Sgarbi, però, non sembra essere opera dei suoi sostenitori

L’Espresso di questa settimana racconta dell’ultima frontiera della propaganda e della promozione di sé da parte dei politici e dei loro sostenitori: le applicazioni per iPhone. C’è l’applicazione di Luigi De Magistris, con gli aggiornamenti dal blog dell’europarlamentare dell’Italia dei Valori, e quella Brunetta Sindaco, lanciata in occasione della scorsa campagna elettorale e che evidentemente non ha portato bene al ministro per la pubblica amministrazione.

Le applicazioni dedicate a Silvio Berlusconi sono – solo? ben? – due, ma si chiamano entrambe iSilvio. Una costa 79 centesimi e permette di leggere i discorsi del presidente del consiglio, la sua biografia e anche i suoi processi; l’altra ha meno roba: una biografia, qualche foto e qualche video – ma costa 1,59 euro. L’applicazione definitiva di un personaggio politico, però, è certamente quella di Vittorio Sgarbi. E non sembrano averla fatta dei suoi sostenitori.

Ciliegina sulla torta dell’iPhone è iSgarbi, programma decisamente diverso rispetto a quelli dei “colleghi”. L’app, dedicata al sindaco di Salemi [ex sindaco?, ndr] e critico d’arte, si descrive così: “Divertiti ad insultare i tuoi amici con la mitica voce di Vittorio Sgarbi scuotendo semplicemente il tuo iPhone”. Tra le esternazioni del critico ci sono “Capra”, “Venduto”, “Criminale” e tanto altro ancora, con la possibilità di condividere su Facebook gli insulti più riusciti. iSgarbi costa 79 centesimi e c’è da scommettere che Sgarbi, quello reale, non la prenderà affatto bene.

L’applicazione non è più disponibile sull’App Store, ma dovrebbe trattarsi di una sospensione momentanea. Sul sito degli sviluppatori, infatti, si legge che

iSgarbi è stata rimossa momentaneamente dall’AppStore. Ci stiamo accordando direttamente con l’agente di Vittorio Sgarbi per riportarla in qualche modo in vendita.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.