Sulle proteste contro Berlusconi

Un deputato del PD (che c'era) spiega perché il diritto di manifestare liberamente vale per tutti, anche per il PdL, e il clima da guerra civile gli fa un favore

Alfredo Bazoli ha 44 anni ed è un deputato del PD. È un avvocato, è di Brescia – fino a pochi mesi fa era un consigliere comunale, ha iniziato a fare politica nell’Ulivo – ed è noto soprattutto per due ragioni: perché sua madre fu uccisa, insieme ad altre sette persone, nella strage di piazza della Loggia nel 1974, e perché è nipote del banchiere Giovanni Bazoli. Sabato Bazoli è stato alla manifestazione che il PdL aveva organizzato a Brescia – “volevo vedere e capire con i miei occhi” – e dopo ha scritto su Facebook questo post, raccolto e segnalato oggi da Claudio Cerasa. Bazoli si riferisce alle contestazioni verbalmente piuttosto violente ricevute dai manifestanti del PdL, e al generale clima “da guerra civile” che si respirava in città: ci sono stati anche sputi, una persona si è presa un pugno, e la polizia in assetto antisommossa ha impedito che i due gruppi entrassero in contatto.

Sabato sono andato in Piazza Duomo al comizio di Berlusconi.
Ero un po’ preoccupato per il clima sovraeccitato che avevo respirato in giornata a Brescia, e temevo che il leader pdl potesse infiammare gli animi.
Ma siccome mi fido oramai molto poco, lo ammetto, dei resoconti dei media, volevo vedere e capire con i miei occhi.

Già nell’avvicinarmi alla piazza, il clima di tensione era palpabile.
Sono passato davanti alla stele che ricorda i caduti di Piazza Loggia, presidiata da qualche poliziotto in tenuta antisommossa, dove alcune militanti del pd mi hanno fermato spiegandomi che erano lì per impedire ai dirigenti del pdl di avvicinarsi a rendere omaggio, poiché la consideravano una provocazione.
Ho detto loro che io li avrei fatti passare, che mi sembrava sbagliato, ma ho capito che non era aria, e sono passato oltre.
Arrivato in piazza Duomo, ho visto la folla tumultuante ed eccitata, contenuta da un cordone di agenti, che ululava all’indirizzo dei manifestanti del pdl.
Giunto in centro alla piazza, mi sono confuso tra i simpatizzanti del pdl, fermandomi a salutare qualche conoscente e amico di centrodestra, cercando di mettermi in una posizione che mi consentisse di sentire le parole che avrebbe pronunciato Berlusconi.
Quando è arrivato ovviamente l’eccitazione della piazza, tra gli applausi ed i fischi, è giunta al massimo livello.
Il suo discorso, infarcito di retorica da comizio, è durato una mezz’oretta, nella quale ha sciorinato il suo repertorio, tra accuse ai magistrati politicizzati e rivendicazione delle prime scelte del nuovo governo su Imu e rifinanziamento della cassa in deroga.
Io l’ho ascoltato tutto con attenzione, accanto alla carrozzina di un disabile con bandiera del pdl accompagnato dal padre, dietro di me cinque o sei ragazzi infiltrati che provocavano e litigavano con i manifestanti.

L’impressione che ho ricavato dalla giornata è stata molto sgradevole.
E non tanto per le parole pronunciate da Berlusconi, che a mio avviso per quanto decisamente opinabili in molti passaggi, sono rimaste entro i limiti della propaganda politica accettabile in un comizio, quanto per il clima teso e sostanzialmente violento che ho respirato, e che in ogni caso io non trovo giustificabile.
Intendiamoci, io lo so bene chi è Berlusconi, so che chi semina vento raccoglie tempesta, e so quanto vento ha soffiato lui in questi anni.
Eppure resto convinto che la reazione così scomposta ed eccitata, che si è trasformata in una sorta di assedio al suo comizio, sia profondamente sbagliata, sia per il modo, sia per gli effetti.
E’ sbagliata perché credo nel diritto di manifestare liberamente per chiunque, e troverei inaccettabile e antidemocratico se mi trovassi io a partecipare ad un comizio del mio segretario in uno stato d’assedio.
E sbagliata perché così si fa un favore proprio a Berlusconi, che dentro questa guerra civile permanente ha prosperato, e che va invece combattuto e sfidato su altri terreni, quelli dei contenuti e delle proposte, e con altre armi, quelle della politica.

Libertà, tolleranza e rispetto per gli avversari politici sono valori irrinunciabili di una democrazia.
L’ho imparato da mio padre, assessore della dc allorchè la bomba di piazza loggia gli portò via la moglie e madre dei suoi bambini: quando nel primo consiglio comunale successivo alla strage una consigliera dell’MSI prese la parola, tutti i consiglieri di maggioranza e opposizione uscirono dall’aula in segno di protesta, ma lui decise di rimanere, proprio perché sapeva quanto contasse anche allora dare testimonianza di profondo attaccamento a quei principi e valori su cui si fonda la convivenza civile.

Mostra commenti ( )