Cartoline: cartelli

Succede in una stradina di Monteverde, ma potrebbe accadere ovunque, e si cerca qui di coglierne la morale generale. All’apparenza niente di strano, un cartello storto, e che sarà mai, sempre sperando che non ci legga qualcuno dalla Svezia. Ma poi, guardando meglio (non solo gli adesivi dei traslocatori) si scopre che il cartello cade per un’auto in divieto di sosta (a proposito, ma nello spot con Proietti sulla sicurezza stradale la potevano togliere la macchina in divieto sullo sfondo, no?), e resta evidentemente così mettendo in pericolo l’incrocio.

Non solo, poi rifanno l’asfalto della strada, col solito criterio, come dire, non proprio come si mette la glassa di cioccolato su una torta Sacher, e il cartello viene sommerso alla base e rimane piegato, incastonato per sempre nella nuova posizione (haivoglia a tirare: c’è il cemento). Risultato: l’incrocio rimane pericoloso, i cartelli saranno sempre meno importanti (già ora l’associazione terra piatta ha più seguaci). Insomma, un caso di degrado triplo carpiato, interconnesso e temporalmente senza soluzione, insomma taglia-gambe.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.