Il Ministro della SIAE

Io francamente non ho idea di chi sia a gestire il profilo Twitter del Ministro della Cultura Franceschini. Non ho idea se lo curi lui di persona (dubito), se il Ministro ne controlli e ne approvi in maniera regolare i contenuti (possibile) o se semplicemente si fidi di qualcuno che lo gestisce per lui (altrettanto possibile). Quello che so è che il profilo Twitter del Ministro è sbagliato.

Quando il Ministro qualche tempo fa controfirmò (nella sostanza) le proposte SIAE di aumento dell’equo compenso per la copia privata Franceschini pubblicò questo tweet:

Al di là del merito, che può sempre essere discusso (in casi del genere ahimè lo si può discutere pochissimo ma vabbè) si tratta di un tweet avventato, molto assertivo e non adatto ad un Ministro della Repubblica. Chi conosce l’argomento e legge questo tweet è indotto a pensare una sola fra queste due opzioni:

1) Il Ministro non sa di cosa parla
2) Il Ministro cerca la rissa

In entrambi i casi Franceschini non ci fa una buona figura. Inutile dire che nei giorni successivi a quel provvedimento, che ha provocato vaste indignazioni moltissimi articoli sui giornali ed analisi piu’ o meno affilate, il Ministro ha dimenticato l’argomento non rispondendo a nessuno.

Ieri Franceschini o chi per lui ha applicato il medesimo schema suicida in occasione degli aumenti di prezzi annunciati da Apple pubblicando questo tweet:


Identico schema duale (o ignorante o provocatorio) a descrivere in 140 caratteri questioni complicate e scottanti senza alcuna possibilità di uscire dalla trappola intellettuale dalla quale Franceschini dovrebbe stare alla larga per principio. Perché nel caso specifico il Ministro rappresenta i cittadini, non rappresenta (non dovrebbe rappresentare) ne’ Apple ne’ la SIAE. Invece in tutta questa vicenda il Ministro si presta volontariamente ad essere l’ufficio stampa della SIAE contro l’industria cattiva. Compresa la frase, rilasciata ieri alle agenzie e fortunatamente non twittata, anch’essa ricopiata dal punto di vista SIAE i cui sindacati ieri – comescrive il Sole24ore – hanno affermato che la scelta di Apple di aumentare i prezzi e di mostrare la quota del prezzo finale relativa all’equo compenso (cosa che peraltro Apple fa da sempre) sarebbe:

 

Un’operazione «di pura mistificazione della realtà mirata a confondere i consumatori e a mantenere inalterati i propri ingenti profitti, spesso realizzati attraverso l’utilizzo di manodopera a basso costo».



Bene. Sapete cosa ha dichiarato ieri Franceschini alle agenzia per riaffermare la propria terzietà di rappresentate dei cittadini? Ha detto che quello di Apple è:

un aumento puramente ritorsivo nei confronti dei loro clienti italiani



Al di là dell’insensatezza della frase (quale aziende al mondo pianifica atteggiamenti ritorsivi verso la propria clientela?), al di là della inopportunità che un Ministro – come scrive Carlo Alberto Cardinale Maffè – prenda posizioni tanto nette su un singolo soggetto del mercato, rimane da chiedersi la ragione di atteggiamenti comunicativi tanto aggressivi da parte del Ministro della Cultura. Aggressivi e stranamente sovrapponibili (anche nei toni) a quelli della SIAE, soggetto in campo in una tenzone nella quale Franceschini dovrebbe essere semplice imparziale arbitro.