I mondiali di calcio – giorno 9

Neil Van Schalkwyk ha chiesto scusa! Chi è Neil Van Schalkwyk??? Ma come? Ne stiamo parlando da giorni e fai queste domande!!! Neil Van Schalkwyk è l’inventore delle vuvuzelas, o meglio, colui che ne ha sfruttato l’idea dal punto di vista commerciale ideando il modello in plastica e brevettandone il nome. La vuvuzela, originariamente, era fatta con corna di animali e veniva utilizzata come strumento di richiamo. L’azienda del sig. Van Schalkwyk è nata nel 2001 e produceva 500 vuvuzelas all’anno. Ma già l’anno dopo il successo arrivò anche grazie a un’azienda che ne acquisto 20.000 per un’operazione promozionale. In questi giorni sono stati stretti accordi commerciali con ditte tedesche e russe per far sbarcare le vuvuzelas anche in Europa.

E’ allarme avvoltoi! Pare che secondo alcune convinzioni legate a riti di stregoni e guaritori sudafricani, fumarsi il cervello essiccato degli avvoltoi provocherebbe delle visioni durante le quali sarebbe possibile prevedere i risultati delle partite del mondiale. A quel punto il passo successivo sarebbe quello di ricorrere alle scommesse per monetizzare la previsione (e la fumata). Il problema è che gli avvoltoi, stando a quanto sostiene “Bird Life South Africa”, l’associazione per la protezione dei volatili, sono una razza a forte rischio di estinzione. Se si dovesse andare avanti così fra 12 anni non ci sarebbero più avvoltoi in Sud Africa.

E venne il giorno degli scazzi fra giornalisti e allenatori. Ha iniziato il ct della Slovacchia Wladimir Weiss che se l’è presa con un “periodista” del Paraguay (oggi c’è Slovacchia-Paraguay) che aveva osato chiedergli se “rispettava il Paraguay”. Lui, a quanto pare, la domanda l’ha vissuta male, ha preso cappello e se n’è andato dalla conferenza stampa. Boh…

Poi c’è stato Dunga, ct del Brasile, che ha sbottato: “tutti i giorni vi inventate una storia!!!”. I giornalisti gli stavano chiedendo notizie dell’infortunio di Gilberto Silva che risulterebbe sui quotidiani ma non allo staff tecnico della nazionale brasiliana. E poi Dunga ha preseguito: “Non discuterò. Non sarò io ad alimentare l’incendio che avete appiccato voi. Chi ha detto che Gilberto Silva era infortunato dovrà scusarsi con i propri lettori. Ogni volta inventate una storia, tutti i giorni!”.

Venus Williams non capisce una cippa di calcio. E’ la stessa campionessa statunitense di tennis ad ammetterlo e a riconoscere le difficoltà ad apprendere le regole del soccer, come viene chiamato negli Stati Uniti. “Non comprendo nessuna delle regole: quando succede qualcosa, rimango confusa.” Purtroppo per lei, la sorella Serena guarda spesso le partite e a lei tocca sorbirsele. Utilizzando una terminologia da Football americano ha riconosciuto “Quando si avvicinano alla end zone arriva il momento piu’ emozionante per tutti”. Ehm, come dire Venus, ti manca ancora molto, mi sa.

Basket batte calcio 1-0. Almeno su twitter. La vittoria dei Los Angeles Lakers nel campionato NBA su Boston ha scatenato una pioggia di 3.085 messaggi in un solo secondo. Mentre il maggior numero di messaggi che si sono avuti in una partita dei mondiali è stata per il gol del Giappone contro il Camerun (2.940). Al terzo posto il gol di Maicon contro la Corea del Nord con 2.928 cinguetii.

Nelle partite di oggi una volta tanto una sicurezza, un pareggio che lascia aperte delle speranze e la prima eliminazione del mondiali.

La sicurezza è quella dell’Olanda che ha ottenuto il massimo risultato con il minimo sforzo: 1-0 al Giappone (Sneijder). Il pareggio che lascia delle speranze a tutti è quello fra Ghana e Australia 1-1 (Holman e Gyan – R) con le due squadre ancora in corsa per la qualificazione nel girone D che, dopo due giornate, risulta essere il più equilibrato. La prima eliminazione dai mondiali è quella del Camerun che, sconfitto ieri sera 2-1 dalla Danimarca (Eto’o, Bendtner, Rommedahl) resta a 0 punti dopo due giornate e se ne torna mestamente a casa.

Oggi le tre partite sono:

13.30 Slovacchia-Paraguay

16.00 Italia-Nuova Zelanda

20.30 Brasile-Costa d’Avorio

Come di consueto SKY le trasmette tutte mentre la RAI seguirà l’Italia alle 16.00

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.