Trollare Trump sta diventando facilissimo

Trollare Trump sta diventando facilissimo

I primi ministri di Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia si sono fatti fare una fotografia per trollare il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il re saudita Salman bin Abdulaz e il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. Nella fotografia, scattata a Bergen, in Norvegia, i cinque primi ministri tengono le mani su un pallone: una chiara citazione della fotografia in cui Trump, il re saudita e al Sisi tenevano le mani su una misteriosa palla luminosa.

I primi ministri nella foto sono, da sinistra, lo svedese Stefan Lofven, il danese Lars Lokke Rasmussen, la norvegese Erna Solberg, il finlandese Juha Sipila e l’islandese Bjarni Benediktsson. Non è la prima volta che un gruppo di politici del nord Europa prende in giro Trump. Era già successo a febbraio quando la ministra svedese della Cooperazione Internazionale e dell’Ambiente Isabella Lövin aveva pubblicato su Twitter una fotografia in cui era seduta a un tavolo e in piedi dietro di lei c’erano sette altre donne, una delle quali visibilmente incinta: era una citazione della fotografia in cui si vedeva Trump che firmava uno dei suoi primi ordini esecutivi circondato dai suoi collaboratori, tutti uomini.

Ora c’è anche la statua di un cane vicino alla Fearless Girl e al Toro di New York

Ora c'è anche la statua di un cane vicino alla Fearless Girl e al Toro di New York

La statua di un cane, un carlino esattamente, che fa pipì è spuntata ieri accanto a quella della Fearless Girl (“Ragazzina senza paura”), che per la Festa della Donna di quest’anno era stata piazzata davanti a quella del famoso Charging Bull, il toro di Wall Street a New York installato illegalmente nel 1989 dall’artista Arturo Di Modica come simbolo della forza americana dopo la crisi della borsa del 1987. Il cane, intitolato Sketchy Pug, è invece un’opera dell’artista newyorkese Alex Gardega per protestare contro la statua della bambina di Kristen Visbal, che è diventata un simbolo del femminismo – la bambina coraggiosa che sfida il rude e massiccio potere maschile del toro – ma che a suo dire è soltanto un’operazione pubblicitaria «irrispettosa nei confronti dell’artista che ha fatto il toro, che invece ha una sua integrità».

La Fearless Girl era stata commissionata alla società pubblicitaria McCann dalla State Street Global Advisors, una delle maggiori società di investimenti al mondo, come parte di una campagna che invitava le aziende ad affidare più cariche importanti alle donne. Inizialmente McCann aveva ottenuto dalla città di New York un permesso di una settimana ma l’installazione era piaciuta molto per il suo valore simbolico ed è rimasta lì. Di Modica intanto ha chiesto che venga rimossa perché stravolge il significato della sua opera, trasformandola da simbolo di energia e coraggio del popolo americano a un’immagine di violenza e oppressione.

Lo Sketchy Pug di Gardega è stato invece molto criticato dai passanti e sui social, accusato soprattutto di essere la classica opera di un maschio bianco misogino. Alla fine Gardega l’ha rimossa temendo che qualcuno la portasse via con sé.

Il video della rissa tra giocatori di baseball a San Francisco

Il video della rissa tra giocatori di baseball a San Francisco

Nell’ultima giornata di partite della Major League Baseball nordamericana l’esterno sinistro dei Washington Nationals, Bryce Harper, e il lanciatore dei San Francisco Giants, Hunter Strickland, hanno aggiunto un altro episodio alla serie “battitore cerca di picchiare il lanciatore che lo ha colpito con la palla”, causa scatenante di molte delle risse più celebri nel baseball. È successo che Strickland ha lanciato la palla colpendo sul fianco Harper, che si è arrabbiato, ha lasciato cadere la mazza per terra e ha cercato inutilmente di colpire Strickland con il suo casco, lanciandolo però dall’altra parte. Poi si sono azzuffati e la rissa si è allargata ai membri delle due squadre.

Nuovo Flash