Le polo Lacoste con le specie a rischio al posto del coccodrillo

Le polo Lacoste con le specie a rischio al posto del coccodrillo

La marca di abbigliamento francese Lacoste ha messo in vendita una collezione limitata di polo bianche che al posto del coccodrillo, il suo simbolo, hanno 10 specie a rischio. L’iniziativa, chiamata “Save Our Species”, è stata fatta per sostenere la International Union for Conservation of Nature, una ONG che si occupa della salvaguardia degli animali e della natura. Le specie rappresentate sono queste: La Vaquita, un mammifero marino che vive nel golfo di California; la tartaruga rugosa birmana; il lepilemure settentrionale; il rinoceronte di Giava; il gibbone di Cao Vit; il pappagallo kakapo; il condor della California; il saola, un bovide che vive in Vietnam e Laos; la tigre di Sumatra e l’iguana di Anegada.

Il numero di ogni polo disponibile corrisponde a quello degli esemplari esistenti per ogni singola specie – quelle con la vaquita erano solo 30 e quelle con la tartaruga 40 – per un totale di 1.775 magliette al costo di 150 euro l’una, donati alla ONG. È troppo tardi, sono già state tutte vendute in poche ore.

Tre manifesti a Napoli, Campania, contro Matteo Salvini

Tre manifesti a Napoli, Campania, contro Matteo Salvini

Il movimento cittadino Avaaz (che significa “voce” in varie lingue europee) ha organizzato un’iniziativa contro Matteo Salvini, ispirandosi a quella di Mildred Hayes (Frances McDormand) nel film candidato all’Oscar Tre manifesti a Ebbing, Missouri. Mercoledì 28 febbraio tre furgoni con altrettanti cartelloni hanno sfilato per le vie di Napoli, preceduti da un’automobile su cui c’era un finto Salvini.

Il messaggio dei manifesti era: “Ho detto che puzzate. Ora voglio il vostro voto. Perché no, terroni?”. Nel loro comunicato, quelli di Avaaz hanno spiegato che:

Secondo gli ultimi sondaggi pubblicati prima del 16 febbraio il centrodestra sarebbe a pochi seggi dalla maggioranza sia alla Camera che al Senato. E paradossalmente, a dare alla Lega i numeri per andare al Governo potrebbero essere proprio i 14 seggi che il partito di Salvini potrebbe vincere al sud nelle circoscrizioni uninominali.

Avaaz in queste settimane ha organizzato diverse iniziative in giro per l’Italia, per contestare alcuni partiti candidati alle elezioni e le loro proposte. Dopo Napoli, i tre manifesti saranno mostrati anche a Palermo.

La lettera con insulti razzisti e minacce di morte che ha ricevuto una deputata francese

La lettera con insulti razzisti e minacce di morte che ha ricevuto una deputata francese

Mercoledì 28 febbraio, la deputata francese Laetitia Avia (del partito La République en marche del presidente Emmanuel Macron) ha scritto su Twitter di aver ricevuto una lettera con insulti razzisti e minacce di morte. Laetitia Avia, i cui genitori provengono dal Togo, ha dichiarato di non aver mai subito prima un attacco così grave e ha allegato la lettera accompagnata dall’hashtag #NeRienLaisserPasser e cioè “non far passare nulla”, con riferimento a una campagna francese contro la violenza sulle donne. Il testo della lettera dice:

«Non lasceremo che una grassa scrofa nera che viene dall’Africa si intrometta nelle vite dei Francesi. Le tue apparizioni sui media ci fanno venire la nausea. Faresti meglio a metterti al lavoro per il popolo ritardato dell’Africa che pensa solo a estorcere soldi alla Francia. L’Africa aveva delle risorse valorizzate dai coloni che sono stati cacciati per tornare al nulla della sua pigrizia. L’africano è a metà strada tra la scimmia e l’uomo. Conta i tuoi giorni, ci occuperemo di te».

Laetitia Avia, che ha 32 anni, ha fatto denuncia e ha ricevuto un grandissimo sostegno sia sui social network che da parte del governo e degli altri parlamentari. Marlène Schiappa, Segretaria di stato con delega alla parità tra donne e uomini, ha parlato di un «inaccettabile razzismo e sessismo».

Nuovo Flash