40 anni fa il primo episodio di “Magnum, P.I.”

40 anni fa il primo episodio di "Magnum, P.I."

Il telefilm americano Magnum, P.I. andò in onda per la prima volta, con la prima puntata, l’11 dicembre del 1980 sulle reti CBS. Arrivò nel resto del mondo a partire dall’anno seguente, e in Italia dal 1982. Fu un successo planetario e divenne uno dei prodotti televisivi più iconici degli anni Ottanta — insieme a titoli simili come Supercar, A-Team e MacGyver — andando avanti sulle reti Mediaset con decine di repliche fino agli anni Duemila. Magnum, P.I. lanciò la carriera di Tom Selleck — i baffi più famosi della televisione — che interpretava Thomas Sullivan Magnum, ex affascinante ufficiale di marina diventato investigatore privato e successivamente assunto da un misterioso imprenditore di Honolulu, nelle Hawaii. L’ambientazione esotica contribuì al successo del telefilm insieme ai vari personaggi laterali, su tutti il maggiordomo inglese Higgins (John Hillerman), anche lui veterano di guerra.

Dal successo di Magnum, P.I partì grossomodo il filone commerciale dedicato agli ex combattenti americani in Vietnam, che negli anni successivi si arricchì con l’A-Team e la saga di Rambo. La serie finì l’8 maggio del 1988, dopo otto stagioni, ma in realtà era già finita un anno prima. Nel 1987 la CBS decise di non rinnovarla e per questo venne scritta un’ultima puntata, che fu mandata in onda il 15 aprile di quell’anno e che non piacque per nulla agli appassionati, tanto che CBS decise di registrare una nuova ultima stagione. I tredici nuovi episodi andarono in onda nei primi mesi del 1988 e la nuova ultima puntata fu scritta in modo più canonico.

50 anni di Aristogatti

50 anni di Aristogatti

Gli Aristogatti compie oggi 50 anni: il film d’animazione venne infatti presentato a Los Angeles l’11 dicembre 1970 e uscì nei cinema americani alla vigilia di Natale; in Italia, invece, arrivò nel novembre del 1971. Diretto da Wolfgang Reitherman, è il 20esimo classico Disney, l’ultimo progetto approvato dal fondatore dell’azienda, Walt Disney, e il primo a uscire dopo la sua morte, avvenuta nel 1966. Fu un successo di critica e di pubblico, anche grazie alle canzoni della colonna sonora tra cui, forse, la più famosa: Tutti quanti voglion fare il jazz.

Una curiosità: nell’originale, Romeo si chiama Thomas O’Malley ed è irlandese; fu il paroliere e dialoghista Roberto de Leonardis, che curò l’adattamento del cartone, a trasformarlo in un gatto di strada romano, “Romeo, er mejo der Coloseo”. Cambiò anche i nomi dei gattini per renderli più comprensibili al pubblico italiano: da Marie, Toulouse e Berlioz a Minou, Matisse e Bizet.

Pantone ha scelto due colori dell’anno per il 2021

Pantone ha scelto due colori dell'anno per il 2021

PANTONE, l’azienda statunitense che nel tempo ha sviluppato una classificazione di colore diventata tra le più conosciute e importanti al mondo, ha scelto due colori dell’anno per il 2021: PANTONE 17-5104 Ultimate Gray e PANTONE 13-0647 Illuminating, un grigio chiaro e un giallo brillante. Da 22 anni PANTONE è solita scegliere un solo colore, l’anno scorso fu il Classic Blue, ma visto il periodo particolarmente difficile, ha preferito una combinazione di «due colori indipendenti pensata per dimostrare che elementi differenti si uniscono per supportarsi a vicenda», come si legge sul sito dell’azienda.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da PANTONE (@pantone)

L’unione dei due colori viene definita «concreta e solida ma allo stesso tempo calorosa e ottimistica», «un’infusione di forza e positività», «un più profondo senso di attenzione con la promessa di qualcosa di solare e di amabile». Ultimate Gray «rassicura con discrezione, favorendo sensazioni di compostezza, fermezza e resilienza» mentre Illuminating è brillante e allegro. I due colori, in breve, combinano saldezza e coraggio con vitalità e speranza, doti che possono aiutare più di tante altre a sopportare e superare questo periodo difficile.

Nuovo Flash