Non è stato Trump il primo a chiamare un leader nordcoreano “Rocket man”

Non è stato Trump il primo a chiamare un leader nordcoreano "Rocket man"

Ieri, di fronte all’Assemblea delle Nazioni Unite, Donald Trump è tornato ad utilizzare un nomignolo che aveva già usato su Twitter per riferirsi al dittatore della Corea del Nord, Kim Jong-un. Trump lo ha chiamato “Rocket man”, cioè “uomo razzo”, un riferimento ai molti esperimenti missilistici compiuti negli ultimi anni dal regime nordcoreano. Nella stessa frase, Trump ha rivolto alla Corea del Nord una delle minacce più pesanti che siano mai state formulate da un presidente degli Stati Uniti negli ultimi decenni.

«Gli Stati Uniti hanno una grande forza e pazienza, ma se saranno costretti a difendere se stessi o i loro alleati, non avremo altra scelta che distruggere completamente la Corea del Nord. “Rocket man” è in una missione suicida per se stesso e per il suo regime»

Oggi il settimanale Economist ha voluto sottolineare che l’espressione “Rocket man” riferita a un leader nordcoreano non è farina del sacco di Trump. Nel 2006 fu proprio l’Economist a usare “Rocket man” su una sua copertina, riferendosi al padre dell’attuale dittatore, Kim Jong-il, morto nel 2011.

A Melania Trump non è piaciuta questa pubblicità di una scuola di inglese a Zagabria

A Melania Trump non è piaciuta questa pubblicità di una scuola di inglese a Zagabria

Dei cartelloni pubblicitari di una scuola privata di Zagabria, la capitale della Croazia, che promuovevano corsi di inglese sfruttando l’immagine della First Lady statunitense Melania Trump sono stati rimossi dopo la minaccia di una causa legale. I cartelloni, le cui foto erano molto circolate sui social network e sui media internazionali, raffiguravano Melania Trump durante un discorso, ed erano accompagnati dalla scritta: «Immagina quanta strada puoi fare con un po’ di inglese». Si riferivano al fatto che Melania Trump, nata in una piccola città della Slovenia sud orientale, si trasferì negli Stati Uniti intorno ai 26 anni per tentare la carriera da modella, conoscendo poi Donald Trump a una festa due anni dopo, e diventando da quest’anno First Lady.

Croatia Billboard
(AP Photo/Darko Bandic)

Un’avvocatessa di Melania Trump, Nataša Pirc-Musar, ha chiesto e ottenuto che venissero rimossi: ha detto di essere soddisfatta, ma che sta valutando se procedere con una causa legale. Pirc-Musar, che lavora in Slovenia, è stata assunta da Melania Trump soprattutto per tutelare la sua immagine nel suo paese d’origine, già sfruttata per promuovere molti prodotti. Ivis Buric, un portavoce dell’American Institute, la scuola di lingue che aveva fatto la campagna pubblicitaria, si è scusato, ma ha aggiunto che «voleva essere una cosa positiva, mostrandola come modello».

Croatia Melania Trump Billboard
(AP Photo/Darko Bandic)

Il trailer del nuovo “Tomb Raider”, con Alicia Vikander

Il trailer del nuovo "Tomb Raider", con Alicia Vikander

Warner Bros. ha pubblicato su YouTube il primo trailer di Tomb Raider, il terzo film tratto dalla famosa serie di videogiochi. Nei primi due, Lara Croft, la protagonista, era interpretata da Angelina Jolie; in questo al posto di Jolie c’è l’attrice svedese Alicia Vikander, che è la protagonista di Ex Machina e ha vinto l’Oscar come Miglior attrice non protagonista per The Danish Girl.

Tomb Raider è un reboot: cioè una ripartenza che non considera nessuno degli eventi dei due precedenti film e racconta una storia nuova. In questo film, Croft è più giovane che nei due precedenti e all’inizio del film è solo una ragazza che fa consegne in bicicletta a Londra. Poi scopre che il padre era un avventuriero che le ha lasciato uno di quei video-messaggi in cui qualcuno dice «se mi stai ascoltando vuol dire che sono morto». A quel punto diventa il personaggio che è nei videogiochi e inizia a andare in giro per il mondo a fare cose pericolosissime. Alla fine del trailer c’è anche una battuta su una delle più note caratteristiche del personaggio: il fatto che usi due pistole alla volta. Il regista è Roar Uthaug e il film uscirà nel 2018: a marzo, negli Stati Uniti; non si sa ancora quando, in Italia.

Il trailer italiano

Il trailer in lingua originale

Nuovo Flash