Il ministero della Salute, il razzismo e le banche immagini

La nuova campagna del Ministero della Salute sulle tematiche legate alla fertilità, che doveva servire come correzione della terribile prima proposta per il Fertility Day, si è rivelata un rimedio peggiore del  male. Se nella giornata di oggi avete aperto il browser, sicuramente avete intercettato la pubblica indignazione per la copertina del nuovo opuscolo del Ministero della Salute, intitolato “Stili di vita corretti per la prevenzione della sterilità e dell’infertilità”. Un’immagine vale più di mille parole, ma lasciate che ve la descriva. Piano e con precisone, ché certe cose vanno sorbite per intero.

fertility day

Parlare per immagini

La copertina dell’opuscolo è divisa in due e raffigura due immagini sovrapposte.
Nella parte superiore si vedono due coppie di giovani sorridenti in primo piano, che sorridono. Alle loro spalle si intuisce l’azzurro del mare.
L’immagine è perfetta nella sua composizione quasi simmetrica: due coppie eterosessuali affiancate, coi ragazzi che sorreggono le rispettive ragazze sulle spalle, vestiti in modo elegantemente casual, con abiti estivi di colore chiaro. Un lieve sbuffo di vento che arruffa moderatamente i loro capelli non oscura i loro sorrisi, perfettamente tarati sul livello “contenuta euforia”. Un sottile velo bianco dà un effetto etereo all’immagine, tipo la “calza” nel celebre video della discesa in campo di Berlusconi.

L’immagine nella parte inferiore della locandina è l’esatto contrario di quanto vediamo sopra: la fotografia, virata malamente a seppia, quasi a mortificarne l’identità cromatica, ritrae anch’essa quattro ragazzi, due maschi e due femmine. I ragazzi, però, sono “etnicamente misti”: due sono apparentemente bianchi e due sono neri.
La composizione è disordinata: i soggetti sono separati e non interagiscono tra loro, si limitano a essere malamente seduti (i maschi direttamente accovacciati a terra, le femmine su un divano), ciascuno preso dal proprio solipsismo. I due soggetti femminili stanno evidentemente facendo uso di droghe, nel modo più inespressivo possibile: la brunetta bianca sta fumando una vistosa canna, mentre la nera coi capelli a cespuglio è alle prese con un bong.

Casomai fossimo particolarmente duri di comprendonio, la campagna ci viene in soccorso con due titoli. Il primo, posto sulla parte superiore, dice “Le buone abitudini da promuovere”.
Il secondo, piazzato senza troppa grazia sulla faccia della fumatrice di bong, ci ammonisce “i cattivi ‘compagni’ da abbandonare” (con la parola “compagni” tra virgolette).

È facile immaginare le ragioni dello scandalo: la campagna ha un immaginario apertamente razzista. Sopra c’è un quartetto di amorevoli coppie ariane, sorridenti, composte e vitali, sotto un insieme scolorito e interrazziale di solitudini, apatia e droga, con in primo piano due donne colte nell’atto del consumo.
Insomma, i bianchi sani sopra, i neri drogati sotto, con in più le donne nel loro tradizionale ruolo biblico di tentatrici e vittime del peccato. Il tutto nel 2016, a soli 73 anni dalla chiusura de “La difesa della razza”.

Dimmi cosa vedi e ti dirò chi sei

Ci sarebbe tantissimo da dire sulla natura e sulle finalità della campagna (per esempio segnalando che è ridicolo focalizzarsi sulle droghe come principale ostacolo alla fertilità, quando il Ministero stesso sul suo sito indica altri fattori come più incidenti), ma restiamo sui suoi contenuti più immediati.

La pubblicità è un ambito in cui ogni dettaglio visivo viene soppesato, valutato e discusso fino allo sfinimento: di norma le immagini utilizzate sono associate a un brand e hanno un ruolo non marginale nel determinare il successo commerciale dei suoi prodotti e servizi, elementi con cui è meglio non scherzare.

L’apparato iconografico della comunicazione di un brand, solitamente, ha la funzione di rappresentare “il mondo” estetico e identitario evocato dalla marca. Avete presente le campagne Apple piene di creativi metropolitani cosmopoliti, ritratti in ambienti minimal e un po’ hipster? Sono una dichiarazione di intenti estetici, l’evocazione di un mondo di valori, un modo – insomma – con cui i brand ci dicono, in modo indiretto, che cosa pensano e in che cosa credono.

Il Ministero della Salute, che è unico committente della campagna sulla fertilità, a giudicare dalle sue scelte estetiche e creative si fa portatore di un immaginario intimamente razzista e pure antiquato. L’equazione neri=drogati/spacciatori, infatti, è da sempre parte fondante dell’immaginario dell’estrema destra e più in generale ritrarre i neri come peccatori per antonomasia è stata per anni una cattiva abitudine dell’industria dello spettacolo.

Considerando la splendida figura fatta con la prima campagna per il Fertility Day, che propugnava visioni oscurantiste di matrice cattolica e umiliava le donne, e tenendo conto della provenienza politica e culturale del ministro della Salute stesso (ex Forza Italia, ora in NCD, da sempre vicina alle posizioni dei movimenti antiabortisti), non c’è da meravigliarsi troppo di una campagna così.

Il corteo e la processione – l’arma politica del lessico

In uno dei suoi micidiali corsivi (da sempre un esempio di scrittura contemporanea perfetta per “economia” e incisività delle parole: andrebbero studiati nelle scuole di scrittura) Fortebraccio commentava insieme ai suoi lettori i racconti all’interno di un sussidiario per le scuole elementari dei primi anni Settanta.

In uno dei racconti (evidentemente scritto da un adulto), un bambino immaginario riferiva, tutto spaventato, del passaggio di un corteo di operai: era uno scenario oscuro, con uomini vocianti, facce oscure e un’opprimente “calca” causata dalla folla.
Il testo proseguiva col racconto della festa del santo patrono nella città in cui viveva il bambino. In un tripudio di luci, canti e incensi, le strade affollate di fedeli in processione diventavano per lui un euforico “pigiapigia”.

Con un semplice accostamento, Fortebraccio faceva notare come, senza nominare un partito politico, si potesse fare politica attiva piegando opportunamente le parole. Nel caso specifico accusava gli autori del sussidiario di dare spazio a una visione “democristiana” del mondo, attraverso la voce di un bambino che, distinguendo tra la brutta “calca” degli operai che chiedevano giustizia e il bel “pigiapigia” dei cattolici in processione, raccontava una visione parziale del mondo usando in modo scientifico uno strumento molto efficace: il lessico.

Ci avrete sicuramente fatto caso (ho messo una pedantissima parentesi apposta): la campagna del Ministero della Salute utilizza la scritta “i cattivi ‘compagni’ da abbandonare” per chiosare l’immagine dei “neri drogati”.
La frase suona malissimo: contrappone un comportamento (“le buone abitudini”) a una compagnia (“i cattivi compagni”) e, parlando di droghe e fertilità, ha pure poco senso (tecnicamente uno può abbandonare i cattivi compagni e drogarsi da solo).

Indossando per qualche riga la giacchetta del copywriter, aggiungo che è difficile giustificare l’uso di “i cattivi ‘compagni’” al posto di “le cattive compagnie”, che è un’espressione di uso comune, più comunicativa e comprensibile.

A pensare male, uno potrebbe iniziare a credere che il copy dell’agenzia che ha ideato questa campagna intendesse usare apposta la parola “compagni”.
Provate a leggerla con un po’ di malizia (visti i precedenti, è il caso): “i cattivi ‘compagni’ da abbandonare”, con quel “compagni” inspiegabilmente tra virgolette e, sotto, un’immagine di gente che – nella mente di chi appartiene al mondo degli ultracattolici – probabilmente è il ritratto perfetto dei “compagni” in senso politico: gran misto di razze, disordine, capelloni, droga.

Siamo di fronte a un uso malizioso del lessico?
Resteremo sempre col dubbio. Ricordando che in pubblicità nulla è lasciato al caso.

Il sorriso di plastica, nell’epoca della sua riproducibilità tecnica

A molti di noi non è sfuggito che la campagna del Ministero della Salute è stata fatta utilizzando due fotografie acquistate da una banca immagini.

L’agenzia che ha ideato la campagna, insomma, non ha scattato le fotografie che la compongono, ma ha acquistato due immagini da uno dei tanti portali che vendono fotografie preconfezionate (ma anche video e musica) da utilizzare in tutte le attività di comunicazione.

Sarò chiaro: in questa pratica non c’è niente di scandaloso, anzi è una cosa normale.
Fare scatti fotografici ad hoc costa caro, tra fotografi, logistica, cachet e diritti di utilizzo delle immagini delle persone ritratte. Realizzare i due scatti che compongono la campagna sarebbe costato alcune migliaia di euro, nella migliore delle ipotesi. E avrebbe richiesto tempo.
Le banche immagini, invece, propongono foto pre-scattate, pronte per essere utilizzate da chiunque, opportunamente tagliate e ritoccate e integrate nelle proprie campagne. Per esempio, le due fotografie della campagna sono in vendita sul portale Colourbox a poco meno di 10€ ciascuna, diritti d’utilizzo inclusi e sono già state utilizzate, come hanno notato alcuni, in una campagna sull’igiene dentale e perfino in un meme di scarso successo.
È normale, quindi, per le agenzie (per tutte le agenzie, dallo studio grafico di provincia al grande gruppo internazionale), ricorrere alle banche immagini quando i budget e i tempi proposti dai clienti non consentono uno scatto ad hoc.

Dopo tante parole rassicuranti su una pratica che, una volta conosciuta, toglie un bel po’ di immeritata magia al mestiere del creativo, lasciatemi qualche riga per una riflessione un po’ inquieta.

Negli ultimi tempi il ricorso alle banche immagini è letteralmente esploso, sia in ambito pubblicitario, sia nei media. La centralizzazione in pochi grandi portali dell’apparato iconografico della comunicazione è di sicuro una comodità per i creativi di ogni risma, ma tanta facilità si sta lentamente rivelando un’arma a doppio taglio.

Il rischio, infatti, è la standardizzazione dell’immaginario collettivo. Rischiamo, cioè, di avere una comunicazione che, col passare del tempo, è sempre più ripetitiva, sempre più ecumenica e sempre più indistinta.

Per un portale che vende fotografie, infatti, più un’immagine è popolare, più è redditizia: si scatta una volta, si vende tante.
Quindi, più un’immagine è in grado di piacere a tutti e di prestarsi a diversi usi, più è appetibile per un servizio di banche immagini.
Ecco perché su molti servizi di banche immagini l’offerta di fotografie è il trionfo dell’immagine più scontata e omogeneizzata possibile: coppie eterosessuali con sorrisi standard, bambine biondissime, anziani perfetti coi capelli candidi, manager in completi impeccabili e così via.

Provate a farvi un giro su qualche portale di immagini stock: se vi viene la stessa sensazione di noia che in decenni passati provavate di fronte alle clipart business dei vecchi Powerpoint o ai poster motivazionali di cui andava pazzo Barney Stinson in “How I Met Your Mother”, sappiate che non siete soli.

Cosa succede, se nelle nostre fonti primarie di immagini condivise si impongono visioni ed estetiche che, per la loro natura ecumenica, rischiano di diventare di parte?

Gli scenari sono due e nessuno mi pare piacevole.
Il primo è la standardizzazione massima. È celebre il caso della “Asian stock photo girl”, ritratta – grazie all’uso delle sue fotografie di stock vendute tramite banche immagini – letteralmente in migliaia di campagne. Consideriamolo, per ora, un problema più estetico/creativo che altro.

Il secondo è un problema più grave ed è l’imposizione di un immaginario dominante.
Mi spiego con un esempio. Sono andato su Colourbox, il portale da cui sono state acquistare le due immagini della campagna del Ministero della Salute, e ho fatto una ricerca di immagini di consumo e vendita di droghe. Il risultato è una netta dominanza statistica di immagini di “gente dall’aspetto non WASP” alle prese con droghe di ogni tipo, col solito immaginario: un tripudio di felpe col cappuccio e volti dai tratti asiatici, afroamericani, latinoamericani. Insomma, perfino i portali di immagini stock fanno racial profiling.

Il rischio che vedo è l’imporsi di un “razzismo statistico” nel nostro modo condiviso di pensare e raffigurare le cose: un “modo di vedere le cose” che, probabilmente con meno malizia e meno secondi fini ideologici rispetto alle campagne del Ministero della Salute, rischia di fare molti danni, dal momento che quello che vediamo influenza quello che pensiamo.

Dato che la nostra cultura è fatta anche dalle immagini che produciamo, facciamo circolare e consumiamo, forse è il caso di riflettere bene sui rischi della standardizzazione. Non vorremmo mai ritrovarci banali e razzisti come una campagna del Fertility Day.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.