Un rottame del Boeing 737-800 di China Eastern (CGTN su YouTube)
  • Mondo
  • Questo articolo ha più di un anno

Cosa sappiamo dell’incidente aereo in Cina

È improbabile che ci siano superstiti tra le 132 persone che erano a bordo del Boeing 737-800, precipitato in pochi minuti sul versante di una montagna

Un rottame del Boeing 737-800 di China Eastern (CGTN su YouTube)

Dopo un giorno dall’incidente aereo nella Cina meridionale del volo MU5735, le squadre di soccorso non hanno trovato sopravvissuti tra le 132 persone che si trovavano a bordo. Le ricerche continuano, ma secondo i media locali è improbabile che si possa trovare qualche passeggero vivo, considerato il violento impatto dell’aereo sul versante di una montagna, nel peggiore incidente aereo in Cina da almeno dieci anni. Il presidente cinese Xi Jinping ha ordinato di effettuare un’approfondita indagine e ci sono ancora diversi punti da chiarire.

MU5735
Il volo MU5735 effettuato con un Boeing 737-800 della compagnia aerea China Eastern era partito da Kunming, il capoluogo dello Yunnan, alle 13:11 locali (le 6:11 in Italia), per un viaggio che sarebbe dovuto durare circa un’ora e mezza fino a Guangzhou, importante città portuale a nord-ovest di Hong Kong. Dopo circa un’ora di volo, è però successo qualcosa a bordo o all’aeroplano, che ha causato una rapida perdita di quota e lo schianto in una zona vicino a Wuzhou, nel Guangxi.

Pubblicità

Secondo i dati raccolti dal servizio online Flightradar24, che ogni giorno segue e tiene traccia degli spostamenti di migliaia di aerei, intorno alle 14:20 il Boeing 737-800 ha iniziato a perdere quota molto velocemente. Da un’altitudine di circa 9mila metri è sceso a 2.500 metri in poco più di un minuto, poi ha ripreso lievemente quota per qualche istante, prima di tornare a precipitare, apparentemente fuori controllo.

Le variazioni di quota del volo MU5735 espresse in piedi (ASN)

Gli ultimi momenti prima dello schianto sul versante della montagna sarebbero stati ripresi da una telecamera di sorveglianza, secondo il responsabile di un’azienda mineraria locale. Il video, che sembra mostrare un aereo in assetto pressoché verticale, è stato condiviso molto sui social network, ma è difficile da verificare e chi lo ha diffuso non ha fornito molti altri dettagli.

Al momento dell’incidente nella zona dello Guangxi dove si trovava il volo MU5735 non erano state segnalati problemi legati al meteo, con venti moderati (meno di 20 chilometri orari) e una visibilità di circa 15 chilometri. Verso sera era prevista pioggia, ma al momento dell’incidente il cielo era solamente coperto.

Soccorsi
L’aereo è precipitato tra gli alberi sul versante di una montagna, causando un incendio che ha complicato le attività dei soccorritori. Nelle ore successive all’incidente la zona è stata raggiunta da centinaia di persone, che si sono avvicinate ai rottami dell’aereo alla ricerca di eventuali sopravvissuti tra le 132 persone che si trovavano a bordo. Lo stesso reperimento dei detriti è stato difficoltoso, perché il forte impatto li aveva dispersi in un’ampia porzione del versante.

Parenti e amici dei passeggeri e dell’equipaggio hanno appreso la notizia dai media cinesi o sono stati contattati dalle autorità. Molti di loro hanno poi raggiunto l’aeroporto di Guangzhou, dove sarebbe dovuto arrivare l’aereo, in attesa di aggiornamenti da parte della compagnia aerea.

La ricerca della scatola nera, il dispositivo che tra le altre cose raccoglie le informazioni sullo stato dell’aereo in volo e sui comandi impartiti dall’equipaggio, è ancora in corso. Insieme alla registrazione delle conversazioni nella cabina di pilotaggio, dovrebbe fornire dati importanti per ricostruire le cause dell’incidente. Potrebbero essere necessari comunque mesi prima di avere un’analisi completa dei dati.

Boeing 737-800
I 737-800 di Boeing sono tra gli aerei più diffusi nell’aviazione civile e ogni giorno trasportano centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo. Tra il 1998 e il 2020, Boeing ne ha consegnati quasi 5mila a diverse compagnie aeree, soprattutto per la gestione dei voli a corto e medio raggio.

Dei circa 25mila aerei di linea in servizio in tutto il mondo, si stima che il 17 per cento siano Boeing 737-800 nelle loro varie configurazioni. In Cina ne vengono impiegati oltre 1.200, mentre in Europa circa un migliaio. Sull’alto numero in Europa incidono gli accordi raggiunti negli anni tra Boeing e alcune compagnie low cost come Ryanair, che ne impiega più di 400.

(Boeing)

In decenni di servizio, i Boeing 737-800 si sono rivelati affidabili e sicuri, per questo secondo diversi esperti di aviazione è improbabile che l’aereo del volo MU5735 avesse un problema tecnico comune a tutti i modelli di questo tipo. Le cause dovrebbero quindi essere diverse da quelle rilevate negli scorsi anni sui Boeing 737 MAX, che avevano causato due gravi incidenti aerei e la sospensione dell’utilizzo di quei modelli in tutto il mondo.

La Cina è il secondo mercato più importante per Boeing dopo gli Stati Uniti. Dopo un lieve rallentamento dovuto alla pandemia da coronavirus, la domanda di nuovi aerei è in forte crescita e si stima che raddoppierà entro il 2040, con ordini per almeno 8.700 nuovi aerei nel corso dei prossimi anni.

Il mercato cinese interessa molto anche l’europea Airbus, che negli ultimi tempi ha lavorato molto per sviluppare e produrre aerei di nuova generazione che consumano meno carburante, il costo che incide di più nella gestione delle compagnie aeree. La Cina sta però pensando a vie alternative, sviluppando un proprio concorrente del 737 – il Comac C919 – che dovrebbe compiere proprio quest’anno il primo volo. Saranno però necessari molti anni prima che il modello sia rifinito e prodotto su larga scala.