Pupazzi a forma di Befana in un negozio di giocattoli a Roma (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Perché l’Epifania si festeggia il 6 gennaio

È la festa cristiana che celebra la prima volta che Gesù venne mostrato al pubblico e visitato dai magi

Pupazzi a forma di Befana in un negozio di giocattoli a Roma (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Il 6 gennaio è la festa cristiana dell’Epifania, che celebra il giorno in cui, secondo i Vangeli, Gesù Cristo si mostrò in pubblico per la prima volta (il termine viene dal verbo greco ἐπιφαίνω, mostrarsi).

Il 6 gennaio è una data che fu stabilita molto dopo la morte di Gesù, più o meno nel Quarto secolo, cioè quando venne fissato anche il giorno di nascita, il 25 dicembre, scelto per cristianizzare le feste pagane che già si celebravano nell’Impero Romano: i Saturnali, il solstizio d’inverno e la festa del cosiddetto “Sole Invitto”.

Il 6 gennaio fu scelto contando 12 giorni dal 25 dicembre: perché si decise proprio 12 giorni non è chiaro, ma probabilmente si volle assorbire nel cristianesimo un antico rito pagano legato alla dea Diana. Nell’antica Roma questa divinità, protettrice della fertilità e simbolo di rinascita, veniva infatti festeggiata 12 giorni dopo il solstizio d’inverno.

L’Epifania è anche il giorno in cui secondo la tradizione cristiana Gesù fu visitato dai magi, che vennero ad adorarlo a Betlemme e gli portarono in dono oro, incenso e mirra. Dal punto di vista teologico, la venuta dei magi rappresenta allegoricamente il riconoscimento della natura divina di Gesù da parte dei popoli non-ebrei, a cui più avanti sarebbe stata destinata la sua predicazione. Va specificato però che solo uno dei quattro Vangeli canonici fa riferimento ai magi, e non li definisce re e tantomeno ne indica il nome e l’origine.

Nei paesi cattolici, l’Epifania viene celebrata anche donando regali ai bambini: in Italia la tradizione associa i doni alla figura folcloristica e profana della Befana (il cui nome deriva proprio da Epifania), una donna anziana che vola su una scopa logora e che consegna regali a chi si è comportato bene e carbone agli altri, inserendoli dentro una calza. In altri paesi, come la Spagna, a consegnare i regali sono invece i magi.

L’Epifania viene festeggiata da tutta la cristianità, e in Italia è anche una festa civile (anche se smise di esserlo per un breve periodo dal 1978 al 1985). Le chiese orientali, che seguono il calendario giuliano e non quello gregoriano, celebrano l’Epifania il 19 gennaio, dato che il Natale viene festeggiato il 7 gennaio.