Il podio del Gran Premio di Qatar di Formula 1 (Lars Baron/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 21 Novembre 2021

Lewis Hamilton ha vinto il Gran Premio del Qatar

Verstappen è arrivato secondo e ora ha solo 8 punti di vantaggio in classifica generale, a due gare dalla fine del Mondiale

Il podio del Gran Premio di Qatar di Formula 1 (Lars Baron/Getty Images)

Lewis Hamilton della Mercedes ha vinto il Gran Premio del Qatar di Formula 1, corso domenica sul circuito di Losail. Si è così avvicinato ulteriormente nella classifica generale a Max Verstappen della Red Bull, che è arrivato secondo. Al terzo posto è arrivato Fernando Alonso dell’Alpine Renault, che non andava sul podio dal 2014, quando correva per la Ferrari. Le Ferrari hanno fatto una gara simile alle ultime: Carlos Sainz è arrivato settimo, Charles Leclerc ottavo (rimontando diverse posizioni rispetto alla partenza).

Mancano soltanto due Gran Premi alla fine del Mondiale e Verstappen è primo con 351,5 punti, otto in più di Hamilton, che ne ha 343,5. Quest’ultimo era partito dalla pole position, mentre Verstappen era partito settimo dopo aver ricevuto una penalità di cinque posizioni (la stessa assegnata a Valtteri Bottas della Mercedes, partito sesto e poi ritiratosi). Ma Verstappen ha fatto una grande partenza, e in quattro giri si è portato in seconda posizione, senza più lasciarla.

Il suo compagno di scuderia Sergio Perez è arrivato quarto, Esteban Ocon della Alpine quinto, Lance Stroll della Aston Martin sesto.

Era la prima volta che la Formula 1 correva sul circuito di Losail in Qatar, noto soprattutto per la MotoGP. Qualcuno temeva che la pista, particolarmente stretta, avrebbe limitato molto i sorpassi, che invece ci sono stati in abbondanza.

Le ultime due gare della stagione si correranno il 5 dicembre in Arabia Saudita e il 12 dicembre ad Abu Dhabi, e specialmente dopo il risultato di oggi decideranno il Mondiale più aperto e appassionante da molti anni. Per Verstappen sarebbe il primo titolo in carriera, per Hamilton l’ottavo, cosa che lo renderebbe il pilota più vincente nella storia della Formula 1.