• Video
  • Questo articolo ha più di un anno

Contro il caporalato, a Foggia

La storia di Yvan Sagnet e di NO CAP, l'associazione che combatte il caporalato per creare una filiera etica

Secondo il rapporto su agromafie e caporalato del 2020 di Flai-Cgil si stima siano quasi 200mila i lavoratori irregolari del settore agroalimentare “particolarmente vulnerabili” e “soggetti a fenomeni di sfruttamento e caporalato” che lavorano in Italia. Moltissimi di loro vivono nei cosiddetti insediamenti informali, quelli che comunemente si chiamano ghetti. Dieci anni fa Yvan Sagnet ha fondato No Cap, un’associazione che lavora per contrastare il caporalato in agricoltura e per favorire la diffusione del rispetto dei diritti umani, sociali, e dell’ambiente.

Questa è la quarta tappa di Strade blu, un progetto del Post, che è anche un podcast e una newsletter, realizzato con il contributo di