• Mondo
  • martedì 17 Agosto 2021

La foto dell’aereo militare pieno di afghani decollato da Kabul

È stata diffusa dal sito americano Defense One, e racconta un pezzo della disperazione di chi sta cercando di fuggire dai talebani

Caricamento player

Il sito di news americano Defense One ha diffuso una foto impressionante di un aereo militare decollato il 15 agosto da Kabul dopo la conquista dell’Afghanistan da parte dei talebani. L’immagine mostra la stiva dell’aereo piena di persone in fuga dalla città, stipate una accanto all’altra. In un primo momento si era parlato di circa 800 persone a bordo: una funzionario militare statunitense ha poi precisato a Defense One che a bordo c’erano circa 640 persone.

La foto è una delle prime immagini scattate all’interno degli aerei militari dei paesi occidentali che da due giorni stanno partendo dall’aeroporto di Kabul per le operazioni di evacuazione, soprattutto di cittadini stranieri. Dopo la conquista della città da parte dei talebani l’aeroporto si era riempito di migliaia di persone che cercavano di scappare dal paese, spaventate dall’arrivo dei miliziani.

L’aereo è un C-17 Globemaster III prodotto da Boeing e di solito usato dall’aeronautica degli Stati Uniti per trasportare truppe o attrezzature militari. Secondo varie stime ha una capienza massima inferiore ai duecento posti.

In origine l’aereo non doveva trasportare un numero così elevato di persone, ma un funzionario militare statunitense ha spiegato a Defense One che diversi afghani sono riusciti a salire a bordo mentre il portellone posteriore dell’aereo era semichiuso. «È stato l’equipaggio a decidere di decollare», ha spiegato la stessa fonte, senza aggiungere ulteriori dettagli. Non è chiaro se chi era bordo facesse parte di una lista di persone che gli Stati Uniti intendevano evacuare dall’Afghanistan, fra cui collaboratori, interpreti e le loro famiglie. Il C-17 Globemaster III con a bordo 640 persone è poi atterrato in Qatar.

– Leggi anche: Perché l’esercito afghano è collassato così rapidamente

Fra il 15 e il 16 agosto la situazione all’aeroporto di Kabul è stata perlopiù caotica. Lunedì la pista di atterraggio e decollo degli aerei era talmente piena di persone che cercavano di imbarcarsi sugli aerei disponibili che per qualche ora tutti i voli erano stati sospesi. Secondo fonti di Associated Press, almeno sette persone sarebbero morte nella calca, mentre alcune sarebbero precipitate da un aereo a cui avevano cercato di aggrapparsi durante il decollo. Martedì mattina, dopo l’arrivo di nuovi contingenti dell’esercito statunitense, all’aeroporto sono riprese le operazioni di evacuazione.