Valentina Rodini e Federica Cesarini sul podio (Naomi Baker/Getty Images)
  • Sport
  • giovedì 29 Luglio 2021

Federica Cesarini e Valentina Rodini hanno vinto l’oro nel canottaggio

Sono arrivate prime al fotofinish nel doppio pesi leggeri, è la prima medaglia olimpica di sempre per il canottaggio femminile italiano

Valentina Rodini e Federica Cesarini sul podio (Naomi Baker/Getty Images)

Federica Cesarini e Valentina Rodini hanno vinto la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo nel canottaggio, nella specialità del doppio pesi leggeri femminile: è la prima medaglia olimpica di sempre per il canottaggio femminile italiano.

È stata una gara molto combattuta, con le due atlete italiane che sono rimaste per gran parte del tempo tra la quarta e la terza posizione e che hanno superato le avversarie solo negli ultimi metri. Cesarini e Rodini hanno vinto al fotofinish, cioè il loro primo posto è stato confermato con i replay dell’arrivo, con soli 24 centesimi di vantaggio sulle francesi e sulle olandesi.

Nonostante una partenza molto forte di Paesi Bassi, Francia e Regno Unito, nessuna squadra era riuscita a prendere un netto vantaggio sulle altre: ai 500 metri dei 2.000 totali erano cinque gli equipaggi racchiusi in un secondo, con l’Italia dietro alle prime tre. Ai 1.500 metri l’Italia aveva raggiunto la terza posizione, ma ai 1.750 sembrava addirittura rischiare di uscire dal podio, con la Romania che l’aveva quasi superata. Negli ultimi 100 metri però Cesarini e Rodini hanno recuperato lo svantaggio e si sono portate sorprendentemente davanti a tutte sulla linea del traguardo.

Per l’Italia è la 18esima medaglia alle Olimpiadi di Tokyo, la seconda d’oro dopo quella di Vito Dell’Aquila nel taekwondo 58 chili. Oggi sempre nel canottaggio, nel doppio pesi leggeri maschile, è arrivata anche una medaglia di bronzo, vinta da Stefano Oppo e Pietro Willy Ruta, terzi dietro a irlandesi e tedeschi.

Valentina Rodini e Federica Cesarini dopo la vittoria (ANSA/EPA/KIMIMASA MAYAMA)

Valentina Rodini e Federica Cesarini dopo la vittoria (ANSA/EPA/KIMIMASA MAYAMA)