• Mondo
  • mercoledì 5 Maggio 2021

È stata confermata la sospensione del profilo di Donald Trump su Facebook

L’Oversight Board di Facebook, l’organo indipendente dall’azienda a cui è stata delegata la competenza su alcune decisioni particolarmente delicate, ha confermato la sospensione del profilo dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump sul social network.

Il profilo di Trump su Facebook – oltre che quello su Instagram, di proprietà di Facebook – era stato sospeso “indefinitamente” quattro mesi fa per il coinvolgimento dell’ex presidente nell’attacco al Congresso statunitense del 6 gennaio. Decisioni simili erano state prese da altri social media, come Twitter e YouTube, che avevano sospeso gli account di Trump a tempo indeterminato.

Nella sua decisione l’Oversight Board ha però specificato che nel sospendere il profilo di Trump “indefinitamente” Facebook non ha seguito una procedura adeguata, in quanto le regole del social network non prevedono che Facebook possa tenere un utente fuori dalla piattaforma per un periodo indefinito, senza specificare criteri sul quando o se l’account venga ripristinato. Per questo motivo l’Oversight Board ha chiesto a Facebook di rivedere le sue regole entro sei mesi, e di conseguenza anche la sanzione nei confronti di Trump. La nuova sanzione potrà essere tanto una sospensione temporanea quanto l’eliminazione del profilo, ma in ogni caso dovrà essere giustificata sulla base di regole chiare.

La decisione dell’Oversight Board è arrivata un giorno dopo che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva lanciato una nuova sezione del proprio sito ufficiale che ricorda molto il profilo di un social network. La sezione del sito si chiama “la scrivania di Donald Trump” e contiene sia i comunicati stampa diffusi da Trump nelle ultime settimane, sia, più di recente, brevi messaggi che ricordano da vicino i tweet che Trump pubblicava quando ancora era in carica, a volte a decine in poche ore.

– Leggi anche: Trump è tornato a farsi sentire, con una specie di blog

(Pete Marovich/Getty Images)