(Bryn Lennon/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 27 Aprile 2021

La Formula 1 proverà un nuovo formato per i weekend di gara

Al posto delle qualifiche del sabato sarà sperimentata una mini-gara per stabilire l'ordine di partenza della domenica

(Bryn Lennon/Getty Images)

La Formula 1 ha deciso di sperimentare un nuovo formato di weekend di gara nel corso del Campionato mondiale da poco iniziato. In tre diversi Gran Premi non ancora indicati ufficialmente, la classica struttura delle corse formata da prove libere, qualifiche e gara verrà quasi completamente rivisitata per offrire più momenti competitivi e in teoria più spettacolo.

Al venerdì ci sarà una sola sessione di prove libere — e non due – della durata di un’ora, la mattina. Le qualifiche verranno anticipate al tardo pomeriggio di venerdì e manterranno l’attuale formato, ma i risultati andranno a stabilire la griglia di partenza di una piccola gara prevista il sabato pomeriggio: la cosiddetta Sprint Qualifying, lunga non oltre 100 chilometri, della durata non superiore alla mezz’ora e preceduta da una seconda e ultima sessione di prove libere.

L’ordine di arrivo della Sprint Qualifying stabilirà la griglia di partenza del vero e proprio Gran Premio della domenica, che non subirà modifiche rispetto al formato attuale. La Sprint Qualifying non prevede la cerimonia del podio e soltanto il vincitore riceverà un premio simbolico come quello che ricevono ora i piloti che ottengono la pole position nelle qualifiche. Verranno però assegnati dei punti validi per il Mondiale: tre al primo, due al secondo, uno al terzo.

(Formula 1)

Cambierà anche il regolamento sportivo. Le dotazioni di gomme a disposizione delle scuderie continueranno a essere limitate e la preparazione delle auto dovrà fermarsi dalle qualifiche del venerdì in poi. Dopo la Sprint Qualifying del sabato, le scuderie potranno cambiare solo alcune parti specifiche delle loro auto a meno di incidenti nella mini-gara, che saranno più probabili rispetto alle qualifiche.

Non si conoscono ancora ufficialmente i Gran Premi in cui verrà sperimentato questo nuovo formato di weekend di gara. La Formula 1 parla però di due Gran Premi europei e un terzo non europeo, con Monza e Silverstone indicati come circuiti particolarmente adatti. A Silverstone si correrà il 18 luglio, a Monza il 12 settembre.

La sperimentazione è stata decisa di comune accordo tra Formula 1, FIA e le dieci scuderie del campionato, le quali hanno ottenuto un aumento di mezzo milione di dollari al tetto di spese annuali (pari a 145 milioni) per sostenere i costi che comporteranno le tre mini-gare. Stefano Domenicali, presidente e amministratore delegato della Formula 1, ha spiegato: «Questa nuova opportunità darà ai nostri fan un weekend di gara ancora più coinvolgente. Vedere i piloti sfidarsi per tre giorni sarà un’esperienza straordinaria e sono sicuro che i piloti apprezzeranno la maggior competitività».

Se la Sprint Qualifying dovesse soddisfare le previsioni potrebbe essere introdotta a partire dal prossimo anno. Nel 2022 è prevista anche l’introduzione dell’ampia riforma con cui la Formula 1 cambierà completamente aspetto, a partire dalle strutture delle auto, per ridurre il divario tra le squadre più ricche e quelle più povere, per facilitare i sorpassi e per rendere tutto più spettacolare.