Matt Hansen e Brad Wilshire/Facebook
  • Mondo
  • sabato 20 Marzo 2021

In Australia c’è un’invasione preoccupante di topi

Abbondanti piogge e un raccolto eccezionale di grano ne hanno causato un'enorme proliferazione, soprattutto nel Nuovo Galles del Sud

Matt Hansen e Brad Wilshire/Facebook

In buona parte dello stato australiano del Nuovo Galles del Sud il numero di topi in circolazione è aumentato enormemente, al punto tale da provocare estesi problemi alla vita quotidiana delle persone, che hanno postato video e immagini online con migliaia di esemplari nei prati e per le strade, oppure nascosti nei mobili e negli anfratti delle case.

Questa straordinaria proliferazione è stata definita come una delle più intense degli ultimi decenni e sarebbe dovuta a un eccezionale raccolto di grano nello stato, favorito da intense piogge che ci sono state nelle ultime settimane. I topi sarebbero stati attratti dalla gran quantità di grano e si sono poi moltiplicati.

La parte più interessata dall’invasione di topi è quella al confine tra Nuovo Galles del Sud e Queensland. Ai media australiani e internazionali sono arrivati moltissimi racconti dei problemi connessi all’invasione, come per esempio il forte odore che si sente nelle case e nei negozi a causa della decomposizione dei cadaveri dei topi. Il proprietario di un supermarket di Dubbo, una città del Nuovo Galles del Sud di circa 40mila abitanti, ha raccontato a Guardian Australia di essere costretto ad andare al lavoro con cinque ore di anticipo per ripulire i resti del passaggio dei topi: «Certe volte non vorremmo neanche entrare. Puzza, muoiono ed è impossibile trovarli tutti. Certe notti ne troviamo 400 o 500».

Dopo una notte di pioggia intensa, un abitante di un piccolo paese vicino a Dubbo ha trovato il serbatoio da cui la sua casa si rifornisce di acqua corrente pieno di topi morti, con annesse preoccupazioni per un’eventuale contaminazione.

Altri hanno postato video di topi nascosti negli impianti di aerazione della casa, e una donna di Toowoomba, nel Queensland, ha raccontato di aver trovato un nido di topi nell’imbottitura della propria poltrona. Per il momento le contromisure adottate – cioè principalmente l’utilizzo di trappole – non ha dato i risultati sperati. Gli agricoltori del Nuovo Galles del Sud temono che il raccolto sia rovinato dai topi e hanno chiesto un permesso speciale per utilizzare nei campi il fosfuro di zinco, un composto chimico spesso usato come veleno per topi.

– Leggi anche: Senza i “backpacker”, in Australia la frutta rimane sugli alberi