• Mondo
  • giovedì 29 Ottobre 2020

Almeno 140 migranti sono morti in un naufragio al largo del Senegal

Erano diretti alle Canarie, ma la loro barca ha preso fuoco e si è ribaltata: è il peggior naufragio accertato nel 2020

Almeno 140 migranti sono morti al largo del Senegal nel peggior naufragio accertato finora nel 2020, ha detto oggi l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, agenzia collegata alle Nazioni Unite. La barca che è affondata trasportava circa 200 migranti, di cui 59 sono stati soccorsi dalla Marina spagnola, da quella senegalese e dalle imbarcazioni di alcuni pescatori di passaggio. 20 corpi sono stati recuperati, gli altri sono dispersi. La barca era partita domenica da Mbour, in Senegal, diretta alle isole Canarie, ma dopo alcune ore ha preso fuoco e si è ribaltata al largo della città di Saint-Louis.

Secondo l’IOM, nel 2020 sono morti almeno 414 migranti sulla rotta che collega il Senegal alle Canarie; l’anno scorso erano stati 212. Il flusso di migranti sulla rotta è aumentato sensibilmente quest’anno, passando dai 2.557 arrivi del 2019 ai circa 11mila già registrati nel 2020.