Sandra Bullock in una scena del film "The net - Intrappolata nella rete" (1995)

Come portarsi internet in vacanza

Tutto ciò che c'è da sapere sulle offerte delle compagnie telefoniche, sui modem portatili e le chiavette per connettersi

Sandra Bullock in una scena del film "The net - Intrappolata nella rete" (1995)

Tra la diffusione delle piattaforme di streaming e del lavoro da casa, forse quest’estate più persone del solito vorranno avere una buona connessione a internet nella casa delle vacanze. Ci sono due modi possibili per avere un collegamento a internet temporaneo. Il primo è tramite carta SIM, quindi mobile: può essere quella dello smartphone (da cui fare hotspot) o una acquistata apposta per essere inserita in una chiavetta o in un modem portatile (la cosiddetta “saponetta”). Il secondo modo invece prevede l’installazione di una linea fissa da pagare a consumo.

L’opzione mobile è più pratica per chi vuole avere la connessione anche durante i viaggi in treno o per chi sa già che non passerà le vacanze in un solo posto. Quella fissa è più adatta a chi ha una seconda casa di proprietà o in affitto per lunghi periodi. In entrambi i casi, bisogna cercare tra le tariffe offerte dalle compagnie telefoniche quelle più convenienti e valutare l’acquisto di supporti tecnologici adeguati: l’abbiamo fatto per voi.

Internet da SIM
L’operazione forse più facile per avere internet ovunque si vada è trasformare il proprio smartphone (o tablet) in un piccolo modem WiFi: la loro SIM può diventare facilmente la sorgente di una linea WiFi a cui attaccarsi con altri dispositivi. Per farlo, basta attivare l’hotspot dalle impostazioni e collegare il computer alla rete generata dal telefono, inserendo la password indicata. Un altro modo per ottenere lo stesso risultato è attivare il tethering Bluetooth (associando prima computer e telefono tramite Bluetooth) o il tethering USB (collegando cioè il computer allo smartphone con un cavo USB): quest’ultima soluzione è preferibile in situazioni in cui si deve conservare più a lungo possibile la batteria dello smartphone, che facendo hotspot si consuma velocemente. In generale, se non volete avere la preoccupazione di ricaricare lo smartphone in continuazione, potete attivare una SIM con un nuovo numero e usarla per fare hotspot all’interno di chiavette o piccoli modem.

– Leggi anche: Come far durare più a lungo smartphone, tablet e computer portatili

Ora Consumismi ha una sua newsletter, gratis

Come scegliere la tariffa telefonica
Sia che decidiate di sfruttare la connessione del vostro telefono, sia che decidiate di comprarvi una nuova SIM, dovrete accertarvi di sottoscrivere un piano tariffario con un buon numero di GB e che sia valido anche per fare hotspot e tethering (non tutti lo sono). Secondo Altroconsumo, 50 GB al mese di traffico internet dovrebbero essere sufficienti a soddisfare le esigenze della maggior parte delle persone.

La cosa fondamentale di cui accertarsi prima di attivare un pacchetto per Internet mobile è che la compagnia telefonica copra la zona geografica in cui andrete: questa verifica si può fare su alcuni siti delle compagnie telefoniche, ma non su tutti. Uno strumento utile per controllare la copertura delle varie compagnie è Chebanda, una app gratuita sviluppata da Altroconsumo.

Abbiamo passato in rassegna tutte le compagnie telefoniche per confrontare le tariffe che offrono piani da 50 GB utilizzabili per hotspot e tethering. In generale, come si può facilmente immaginare, le compagnie low cost (Iliad, Ho, Kena, PosteMobile) sono le più convenienti (si parte da 8 euro al mese per 50 GB) ma anche le più facili da attivare, perché spediscono le SIM direttamente a casa. Diversamente dalle compagnie tradizionali (Tim, Vodafone, Wind Tre), però, non includono quasi mai la saponetta WiFi nel pacchetto.

Per alcuni, avere il modem incluso può essere vantaggioso perché permette di pagarlo a rate, ma bisogna considerare che per farlo l’utente è vincolato a un contratto di almeno due anni. In più, spesso l’apparecchio fornito dalle compagnie telefoniche non è compatibile con SIM di altre compagnie. Molti quindi preferiscono comprare il modem separatamente dal contratto telefonico, per essere sicuri di poterlo reimpiegare in futuro, per esempio all’estero con una SIM non italiana.

Tim e Kena
Per chi vuole usare il proprio smartphone o tablet come hotspot (ed è magari disposto a cambiare operatore telefonico) Kena, che è l’operatore economico di Tim, offre un pacchetto da 70 GB, minuti e SMS illimitati (casomai a qualcuno interessassero ancora) a 14 euro al mese. Si può attivare gratuitamente online, con consegna gratuita della nuova SIM direttamente a casa; in questo caso si mantiene il proprio numero telefonico. A chi è cliente CoopVoce, Fastweb o Tiscali è proposta un’altra offerta: passando a Kena, può avere 50 GB al mese per 8 euro.

Chi invece non ha intenzione di cambiare il proprio operatore e vuole una SIM da mettere in un modem portatile (ma anche in un tablet) può scegliere Kena Internet, che dà diritto a 10 minuti di chiamate, 10 SMS e 100 GB di traffico a 12 euro al mese, oppure scegliere minuti illimitati, SMS illimitati e 50 GB di traffico a 9 euro al mese. La SIM è gratuita anche in questi due casi, ma è previsto un costo di attivazione del nuovo numero di 10 euro per la prima tariffa e 5 euro per la seconda. In tutti i casi l’offerta è valida anche per fare hotspot o tethering dal telefono o da altri dispositivi.

Tra le offerte di Tim, c’è Supergiga 100 che offre 100 GB per 14 euro al mese, per tre mesi, e prevede uno sconto di 50 euro sull’acquisto di un modem WiFi portatile di Tim con un costo di almeno 80 euro (quindi a partire da 30 euro). Il piano prevede una spesa iniziale di 25 euro per la SIM. Qui si può vedere la copertura della rete Tim e Kena.

Vodafone e Ho
Passando ad Ho, l’operatore virtuale di Vodafone, si può scegliere un pacchetto con 100 GB al mese per 13 euro (se si telefona si spendono 19 centesimi al minuto e 29 centesimi per gli SMS). Attivazione e SIM costano 10 euro. Sempre a 13 euro si può scegliere di avere minuti illimitati, SMS illimitati e 50 GB di traffico: in questo caso il costo di attivazione va da 10 euro a 30 euro in base all’operatore di provenienza. Per chi attualmente è cliente di Iliad o di altri operatori virtuali, la tariffa proposta per minuti e SMS illimitati e 70 GB di traffico è di 6 euro al mese, più un euro di attivazione.

A chi non è interessato a cambiare operatore e vuole solo una SIM per avere la connessione a internet da un modem portatile per l’estate, l’offerta di Ho per i nuovi numeri è da 50 GB per 10 euro al mese, a cui aggiungere il costo di attivazione di 10 euro. La SIM può essere ordinata online con spedizione gratuita a casa e attivazione con videochiamata, oppure con ritiro e pagamento in edicola, o in uno dei punti vendita Ho.

Vodafone invece ha un’offerta ricaricabile (quindi con la possibilità di interrompere il servizio in qualsiasi momento) da 50 GB al prezzo di 14 euro al mese e 10 euro di attivazione, a cui volendo si può aggiungere il modem WiFi portatile di Vodafone al costo di 64 euro.

Iliad
Iliad offre una tariffa da 8 euro al mese con costo di attivazione della SIM di 10 euro che viene spedita a casa e comprende minuti e SMS illimitati e 50 GB di traffico Internet da usare anche per hotspot e tethering. La copertura di Iliad si può verificare qui.

Wind Tre e PosteMobile
PosteMobile, che si appoggia alla rete Wind Tre, propone la tariffa Creami WeBack, che costa 10 euro al mese e dà diritto a 50 GB, sia per chi vuole fare hotspot dal telefono sia per chi vuole usarla per tablet, computer, chiavette o saponette. WindTre invece offre due pacchetti per chi vuole fare hotspot o tethering: il primo è Xlarge che comprende 60 GB, minuti illimitati e 200 SMS a 17 euro al mese, l’attivazione costa 7 euro e la SIM va ritirata in negozio; il secondo è Unlimited che offre minuti, SMS e GB illimitati a 30 euro al mese. L’attivazione è gratuita e la SIM, sempre da ritirare in negozio, costa 10 euro. Tutte queste offerte possono essere sottoscritte sia da chi vuole cambiare operatore tenendo il suo numero di telefono, sia da chi ha bisogno di una SIM per un modem.

Per chi vuole una SIM con solo Internet da ricevere a casa, c’è anche l’offerta di Wind Tre Cube Medium solo SIM, con 60 GB per 9 euro al mese e un costo di attivazione di 16 euro. La tariffa Cube Large a 13 euro (più 10 di attivazione) prevede invece 100 GB al mese e include un modem WiFi da attaccare alla rete elettrica, ma vincola l’utente per almeno 2 anni. Per chi starà lontano da casa due mesi, Cube Summer Pack offre tre pacchetti da 200 Giga con modem WiFi incluso a partire da 70 euro.

– Leggi anche: Dove comprare online i libri scolastici

Saponette e chiavette
A differenza di una chiavetta (più economica), che permette di connettere in rete solo il dispositivo con ingresso USB a cui la si attacca, un modem WiFi portatile permette di connettere più dispositivi a un’unica connessione. Chi vuole risparmiare e sa già che avrà bisogno di una connessione solo per il proprio computer, può quindi accontentarsi di una chiavetta, ma dovrà accertarsi che abbia lo spazio per inserire la SIM: non bisogna confondersi con quelle chiavette che sono solo ricevitori per il WiFi, utili a chi ha computer datati. La più venduta su Amazon tra quelle che invece fanno da modem è questa di Alcatel, che costa 37 euro.

Secondo il sito di recensioni Qualescegliere.it, il router portatile col miglior rapporto qualità prezzo è di Huawei: su Amazon costa 70 euro. È compatibile con tecnologia 4G, ha la doppia banda (2,4 GHz e 5,0 GHz, più veloce) e una velocità massima di download di 150 megabit al secondo, che per la maggior parte delle persone sono più che sufficienti. C’è anche quello da 300 megabit al secondo che costa 110 euro. Entrambi reggono fino a 10 dispositivi collegati. Della fascia un po’ più economica ma comunque compatibili con 4G e con velocità fino a 150 megabit al secondo, Qualescegliere.it propone questo di Alcatel da 55 euro e questo di D-Link da 56, che però hanno solo la banda da 2,4 GHz.

Rete fissa
Tim offre un piano tariffario apposta per chi vuole la connessione internet fissa nella seconda casa senza però doverla pagare per tutto l’anno. In sostanza, prevede ricariche di vario taglio per i periodi di utilizzo e il pagamento di un canone fisso di 6 euro per i mesi in cui non la si usa. Per avere un’idea, il costo per due giorni di connessione è di 6 euro e quello per 30 giorni è di 40 euro. Attivazione e intervento del tecnico sono gratuiti ma bisogna procurarsi un modem compatibile FTTC: si può comprare autonomamente (quelli per ADSL e fibra costano tra i 50 e i 150 euro) oppure prendere quello incluso nel piano di Tim che costa 5 euro al mese per 48 mesi (240 euro in tutto).

Sempre per la seconda casa, ci si può rivolgere a Eolo, un’azienda che offre connessioni a “internet senza fili”: sono pensate per portare internet nelle zone non raggiunte dalla rete di Telecom e vi connettono a internet non attraverso l’ADSL ma con un’antenna radio (molto simile a una parabola per la TV) che capta i segnali di una rete di ripetitori. La tariffa Quando Vuoi non prevede il pagamento di canoni mensili, ma si paga esclusivamente a utilizzo. Due giorni costano 7 euro, una settimana 10 e tutta la stagione estiva di tre mesi 99 euro. L’installazione in questo caso costa 99 euro, il modem più economico 49 e quello più sofisticato 99. È un’opzione abbastanza costosa, ma può essere interessante per chi passa l’estate in zone dove non arriva la fibra o l’ADSL.

Infine PosteMobile ha un pacchetto di rete per la casa “portatile”, nel senso che il modem, che viene consegnato direttamente a casa con l’attivazione dell’offerta, si può attivare in una casa ma poi può essere portato ovunque, purché ci sia una presa della corrente a cui attaccarlo. L’attivazione costa 29 euro e poi il costo mensile è di 21 euro al mese.

– Leggi anche: 18 app utili in vacanza

In sintesi, cosa conviene fare?
Ci sono molte variabili da tener presenti, quindi non esiste una soluzione migliore per tutti. In generale le offerte delle compagnie economiche sono più convenienti ed è probabilmente meglio non vincolarsi a un’offerta che prevede l’acquisto di un modem a rate ma comprarne uno a parte. La cosa più importante comunque resta informarsi sulla copertura di rete delle varie compagnie nella zona in cui si passeranno le vacanze.

***

Disclaimer: con alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google. Se invece volete saperne di più di questi link, qui c’è una spiegazione lunga.