• Mondo
  • venerdì 17 Luglio 2020

L’ex affiliata all’ISIS Shamima Begum può tornare nel Regno Unito, ha deciso un tribunale britannico

La Corte di Appello britannica, il secondo più alto tribunale di Inghilterra e Galles, ha stabilito che l’ex affiliata all’ISIS Shamima Begum potrà tornare nel Regno Unito per fare ricorso contro la decisione del governo di toglierle la cittadinanza. Begum è una delle tre donne che nel 2015, da adolescenti, scapparono in Siria per unirsi allo Stato Islamico: il caso fu molto discusso sulle televisioni e nei giornali britannici.

Se ne tornò a parlare l’anno scorso quando a Begum, che in seguito alle sconfitte dell’ISIS si trovava in un campo profughi in Siria e voleva tornare nel Regno Unito, fu tolta la cittadinanza. Il governo britannico fu criticato per questa decisione soprattutto dopo che il figlio di tre settimane di Begum morì di polmonite: secondo i critici il Regno Unito non avrebbe dovuto permettere che Begum il bambino rimanessero nel campo profughi. Oggi la donna ha 20 anni e si trova tuttora in un campo profughi nel nord della Siria.

La Corte di Appello ha detto che l’unico modo per Begum di ottenere un equo appello è di tornare nel Regno Unito. L’Home Office, cioè il ministero dell’Interno britannico, ha detto che chiederà di poter fare ricorso contro la decisione della Corte di Appello.

Shamima Begum in un'intervista data a Sky News nel 2019