Una canzone di Lisa Germano

La più buia delle canzoni notturne

(Carlo Cravero)
(Carlo Cravero)

Allora. Da diverse settimane il Guardian pubblica a puntate una classifica delle migliori 100 canzoni tra quelle che sono state al numero 1 nelle classifiche britanniche. Oggi è arrivato il giorno dello svelamento della “numero 1 delle numero 1”. Ed è una canzone dei Pet Shop Boys. C’è anche un’intervista a Neil Tennant che dice che lui avrebbe scelto Good vibrations (undicesima).
È morto a 72 anni Steve Priest degli Sweet, quelli di Love is like oxygen.
Gazebo ha messo online una “versione Coronavirus” di I like Chopin.

The darkest night of all
Senza che lo sappiano in molti, Lisa Germano ha quasi compiuto 62 anni, ha fatto tredici dischi, ha cantato e suonato e scritto canzoni con David Bowie, con i Simple Minds, con gli Eels, con John Mellencamp e con molti altri. Ha una voce speciale, e la sua carriera da sola ha avuto momenti di qualche rispettabile successo tra un millennio e l’altro. Riassunto in Playlist:
Lisa Germano è nata nell’Indiana da una famiglia italiana, e sa suonare un sacco di cose. Così ha collaborato con Bowie, con i Simple Minds, con gli Eels, con le Indigo girls, e con decine di altri. Nel frattempo, faceva anche dischi suoi, di quel genere dal suono domestico e perfettino che chiamano lo-fi. Le sue cose migliori sono ballate minimali, notturne e sospirate, con qualcosa di soave e qualcosa da casetta di Hansel e Gretel.
Aveva un padre di Platì in Calabria, a cui ha dedicato una canzone. Qui c’è un lungo post su di lei.

In questa newsletter di canzoni quiete e notturne (salvo il giovedì) non poteva non esserci quella che si chiama “La notte più scura di tutte”: è una ninna nanna al contrario, che suona come una ninna nanna ma racconta del dramma di non potere dormire in una notte come questa. Era alla fine del suo disco del 1993.
How can you sleep?
How can you sleep through this?
What are your thoughts?
As you turn to dream?

È successo qualcosa, di cui si dovrebbe parlare ma non si può parlare.
What are your thoughts?
As you turn to dream?
I wouldn’t know
I never look
These things are hard
These things can hurt
All of the secrets
Nobody needs to know
How does it feel?
Falling asleep so hard
How could ask?
How could I say?
The things I need to
You’d go away

E c’è una bellezza sparpagliata, che si raduna quando lei dice “Older than lonely, older than old”.

The darkest night of all su Spotify
The darkest night of all su Apple Music
The darkest night of all su YouTube

(per ricevere la newsletter Le Canzoni basta che lo indichi nella tua pagina abbonato nel menu newsletter)