(Matteo Nardone/Pacific Press via ZUMA Wire)
  • Italia
  • lunedì 18 Maggio 2020

Cosa riapre da oggi

Riaprono negozi, bar, ristoranti, stabilimenti balneari, hotel e musei, e ci si può muovere liberamente all’interno della propria regione

(Matteo Nardone/Pacific Press via ZUMA Wire)

Domenica, dopo una lunga trattativa con le regioni, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato un decreto con le misure della “fase 2” annunciate in conferenza stampa sabato sera. Il documento prevede che a partire da oggi, 18 maggio, vengano allentate le restrizioni finora in vigore per contrastare la diffusione del coronavirus, e che possano gradualmente riaprire gran parte delle attività commerciali.

Le nuove regole decise dal governo sulle riaperture recepiscono le proposte fatte dalle regioni ma potranno comunque essere modificate a livello locale. In Veneto e in Lombardia, per esempio, resteranno obbligatorie le mascherine anche all’aperto; in Lombardia sarà obbligatorio misurare la febbre ai clienti dei ristoranti; in Campania non saranno permesse da subito le riaperture di pub e ristoranti.

Le regole sulle riaperture

Dal 18 maggio possono riaprire i negozi, i servizi di cura alla persona, bar e ristoranti, gli stabilimenti balneari, gli uffici pubblici, hotel e musei, a condizione però che le regioni accertino che la curva epidemiologica sia sotto controllo.

Le regole per le riaperture cambiano per le diverse attività e sono contenute in un documento proposto dalle regioni e recepito dal governo. Bar e ristoranti, per esempio, possono riaprire garantendo una distanza di 1 metro tra i clienti, fornendo mascherine ai dipendenti e disinfettando i tavoli dopo ogni utilizzo (qui ci sono le regole complete per bar e ristoranti).

Gli spazi all’interno dei negozi di estetisti e parrucchieri devono essere riorganizzati in modo che tra le singole postazioni di lavoro e tra i clienti ci sia almeno 1 metro di separazione. Per evitare contagi da contatto, devono inoltre essere eliminate le riviste da consultare in attesa di ricevere un servizio (qui ci sono le regole complete per parrucchieri ed estetisti). I negozi di vendita al dettaglio devono tra le altre cose garantire la distanza di 1 metro tra i clienti e i negozi di abbigliamento dovranno fornire guanti monouso ai clienti che vorranno visionare e provare i vestiti esposti.

– Leggi anche: Tutte le regole sulle riaperture delle attività commerciali

Le regole sugli spostamenti

Da oggi è inoltre possibile muoversi liberamente all’interno della propria regione, salvo disposizioni più restrittive per aree specifiche in cui sarà rilevato un maggiore rischio di contagio: «significa uscire di casa senza dover giustificare dove si vuole andare», ha detto Conte, spiegando che non sarà quindi più necessario compilare i moduli di autocertificazione. Da oggi si possono quindi incontrare anche gli amici (e chiunque si voglia), oltre ai famosi “congiunti”, e potranno riprendere le funzioni religiose.

Continua a valere l’obbligo di isolamento domiciliare per le persone risultate positive al coronavirus o per i loro contatti stretti, se deciso dalle autorità sanitarie, e continueranno a essere vietati gli assembramenti in luoghi pubblici o privati ma aperti al pubblico. Non sarà necessario indossare la mascherina all’aperto, salvo che le regioni non stabiliscano diversamente (come dovrebbe fare la Lombardia).

Fino al 2 giugno ci si potrà muovere da una regione all’altra solo per motivi di lavoro, salute o assoluta urgenza (e in questi casi sarà necessario compilare il modulo di autocertificazione); dal 3 giugno potrebbe tornare possibile spostarsi liberamente tra regioni diverse, ma dovrà essere valutato e dipenderà dai nuovi dati sull’epidemia, che potrebbero richiedere provvedimenti specifici e più restrittivi per alcune aree.

Sempre a partire dal 3 giugno sarà possibile muoversi da e per l’estero e si potrà entrare in Italia dall’Unione Europea senza l’obbligo di 14 giorni di quarantena: gli spostamenti riguardano solo gli stati dell’Unione Europea e dell’area Schengen, il Regno Unito, Andorra e il Principato di Monaco, San Marino e Città del Vaticano. Restano vietati gli spostamenti per altri paesi, «salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute».

– Leggi anche: Chi fa bene e chi meno con le misure contro la crisi

Cosa non riapre per ora

Non tutte le attività possono riaprire dal 18 maggio: per diverse di queste bisognerà attendere alcuni giorni o, in certi casi, settimane. Restano chiusi per ora i centri benessere, i centri termali, centri culturali e centri sociali (quindi discoteche, sale da ballo, bingo e centri scommesse). Saranno permesse le manifestazioni pubbliche, ma «soltanto in forma statica a condizione che, nel corso di esse, siano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento, nel rispetto delle prescrizioni imposte dal questore».

Dal 25 maggio potranno riaprire le palestre, le piscine e i centri sportivi. Anche per queste attività sono state stabilite regole da rispettare per limitare i contagi: sono in generale più dettagliate rispetto a quelle per le altre attività, dato che si tratta di luoghi dove ci può essere un maggiore contatto fisico.

Tra le altre cose, le palestre dovranno riorganizzare gli spazi (anche negli spogliatoi) per garantire sempre la distanza di 1 metro tra le persone e di 2 metri tra le persone che si stanno allenando. Bisognerà inoltre disinfettare gli attrezzi dopo ogni utilizzo e dovrà essere fornito gel disinfettante per le mani. Le piscine dovranno chiudere tribune e spalti, sarà obbligatorio fare una doccia con sapone prima di fare il bagno e ci dovranno essere almeno 7 metri quadrati di superficie per persona sia in vasca che nelle aree di riposo.

– Leggi anche: Tutte le regole per riaprire palestre e piscine

Dal 15 giugno potranno infine riaprire cinema e teatri «con posti a sedere preassegnati e distanziati». Per gli eventi all’aperto si prevede un massimo di 1000 persone, mentre per quelli al chiuso di 200 per singola sala. Da quella data cominceranno anche una serie di offerte ricreative per i bambini. Anche per i centri estivi sono state approvate nuove regole di sicurezza.