• Mondo
  • lunedì 4 Maggio 2020

Da giovedì il Regno Unito testerà un’app per il “contact tracing” sull’Isola di Wight

Da giovedì 7 maggio gli abitanti dell’Isola di Wight – un’isola britannica del canale della Manica – potranno scaricare un’applicazione per il il tracciamento dei contatti (o “contact tracing”) sviluppata dall’NHS,  il sistema sanitario britannico. E già da domani, martedì 5 maggio, l’app sarà disponibile per il personale sanitario e alcuni dipendenti della pubblica amministrazione.

L’app si chiama NHSX. Funzionerà grazie al sistema Bluetooth e si potrà usare in modo anonimo: il suo utilizzo sarà incentivato, ma non reso obbligatorio. È per molti versi simile a quelle che diversi paesi del mondo stanno sviluppando per provare a ridurre la diffusione dell’epidemia da coronavirus, informando le persone su un loro eventuale contatto con persone contagiate.

– Leggi anche: Come funziona un’app per il contact tracing

L’Isola di Wight è grande 384 chilometri quadrati (più dell’Isola d’Elba) e ha circa 140mila abitanti. Per il fatto di essere un’isola è stata scelta come sede ideale per lanciare l’applicazione, in vista di un suo successivo allargamento all’intero territorio britannico, che potrebbe arrivare prima della fine di maggio.

Le cose da sapere sul coronavirus

(Oli Scarff/Getty Images)