Questa notte i parlamentari della Lega hanno occupato il Parlamento per protestare contro il governo

74 parlamentari della Lega hanno trascorso la notte nella Camera e nel Senato, per protestare contro l’operato del governo nella gestione della pandemia da coronavirus. Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha annunciato un “presidio a oltranza” finché dal governo non arriveranno risposte concrete «su mascherine e protezione sanitaria per tutti, cassa integrazione non ancora arrivata ai lavoratori, soldi veri a commercianti e imprenditori, certezze per le famiglie coi figli a casa e le scuole chiuse, sospensione vera dei mutui, sostegno per affitti e bollette, mafiosi da riportare in carcere».

– Leggi anche: Le notizie di mercoledì sul coronavirus in Italia

Dopo l’annuncio, la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha dato mandato ai questori di sgombrare l’aula, ma i senatori della Lega si sono rifiutati di uscire.

Le cose da sapere sul coronavirus

View this post on Instagram

In Parlamento A OLTRANZA, in nome vostro, giorno e notte. Tanti di voi ci hanno chiesto di rimanere in Parlamento fino a che dal governo non arriveranno risposte concrete agli Italiani su: mascherine e protezione sanitaria per tutti, cassa integrazione non ancora arrivata ai lavoratori, soldi veri a commercianti e imprenditori, certezze per le famiglie coi figli a casa e le scuole chiuse, sospensione vera dei mutui, sostegno per affitti e bollette, mafiosi da riportare in carcere. Gli Italiani si sono dimostrati anche in emergenza un grande Popolo, adesso meritano fiducia e protezione. Noi ci siamo, stanotte fateci compagnia a distanza????

A post shared by Matteo Salvini (@matteosalviniofficial) on

I capigruppo della Lega, Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari, hanno invitato anche gli altri partiti di centrodestra a unirsi alla protesta: «Ci auguriamo che tutte le opposizioni di centrodestra sostengano l’iniziativa di restare in Aula in nome della libertà, democrazia e sicurezza del popolo italiano», hanno detto.

Intanto proprio in serata il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato che giovedì mattina andrà prima alla Camera dei Deputati e poi al Senato «per un’informativa urgente sulle iniziative del governo per la ripresa delle attività economiche». Al momento non è chiaro di cosa tratterà nello specifico l’informativa di Conte, ma probabilmente sarà una risposta alle critiche che negli ultimi giorni sono arrivate al governo dalle regioni e da alcune parti politiche, dopo l’annuncio di Conte relativo alla cosiddetta “Fase 2“.