(Jacob Ford/Odessa American via AP, File)
  • Mondo
  • lunedì 20 Aprile 2020

Il prezzo del petrolio WTI è diventato negativo per la prima volta nella storia

A causa del crollo della domanda causato dalle restrizioni del coronavirus, ma anche di un accordo fra i principali produttori considerato inefficace

(Jacob Ford/Odessa American via AP, File)

Negli Stati Uniti il prezzo del petrolio è diventato negativo per la prima volta nella storia a causa della diminuzione globale della domanda di greggio conseguenza della pandemia da coronavirus. Significa che i produttori di petrolio stanno pagando gli acquirenti per disfarsi delle loro scorte. All’apertura dei mercati europei il valore del West Texas Intermediate (WTI) – un tipo di petrolio il cui prezzo, insieme a quello del Brent, è usato come riferimento per il mercato mondiale – era sceso del 17,9 per cento a 14,99 dollari al barile, per poi diventare negativo in serata. Al momento il suo valore è di -11 dollari.

Il crollo è avvenuto nonostante l’accordo della scorsa settimana fra i principali paesi produttori di petrolio (Opec+) per una riduzione della produzione con il taglio di 9,7 milioni di barili al giorno. Ridurre l’offerta non è però bastato a compensare il calo della domanda, conseguenza del blocco di numerosissime aziende in quasi tutti i paesi del mondo a causa delle limitazioni degli spostamenti per il coronavirus. Circa un anno fa la quotazione media del West Texas Intermediate era intorno ai 60 dollari al barile.

Le cose da sapere sul coronavirus