(EPA/WILL OLIVER)
  • Italia
  • venerdì 10 Aprile 2020

Chi è Vittorio Colao

L'ex amministratore delegato di Vodafone è la persona scelta da Giuseppe Conte per guidare gli esperti che dovranno studiare la "fase 2", quella della ripartenza economica

(EPA/WILL OLIVER)

Nella conferenza stampa tenuta venerdì sera per annunciare la proroga delle misure restrittive fino al 3 maggio, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha parlato del lavoro che il governo sta facendo per prepararsi alla cosiddetta “fase 2” dell’emergenza: quella della «convivenza con il virus», che però non sappiamo ancora quando comincerà. Conte ha detto che il lavoro di preparazione sarà affidato a un gruppo di lavoro composto da sociologi, psicologi, esperti dell’organizzazione del lavoro e manager, e che sarà guidato da Vittorio Colao.

– Leggi anche: La fossa comune di New York

Vittorio Colao è nato a Brescia nel 1961. È noto soprattutto per essere stato amministratore delegato della multinazionale di telefonia Vodafone, dal 2008 al 2018. Dopo essersi laureato alla Bocconi e aver ottenuto un Master in Business Administration a Harvard, ha lavorato per la banca d’affari Morgan Stanley e per la società di consulenza McKinsey, prima di diventare nel 1996 direttore generale della compagnia telefonica Omnitel, poi acquisita da Vodafone.

Nel 1999 è diventato amministratore delegato della divisione italiana di Vodafone. Tra il 2001 e il 2004 è stato anche amministratore delegato di Vodafone per Europa meridionale, Medio Oriente e Africa. 

Le cose da sapere sul coronavirus

– Leggi anche: Le bufale sul 5G e il coronavirus

Nel 2004 ha lasciato Vodafone per diventare amministratore delegato di Rcs MediaGroup, ma nel 2006 è tornato nella stessa società con il ruolo di vice amministratore delegato per l’Europa. Ha mantenuto questa carica per due anni, per poi diventare amministratore delegato del gruppo, prendendo il posto di Arun Sarin.

Sotto la guida di Colao, Vodafone ha realizzato una delle più grosse operazioni finanziarie degli ultimi anni, quando il suo gruppo ha venduto per 130 miliardi di dollari alla statunitense Verizon il più grande operatore di telefonia mobile degli Stati Uniti, Verizon Wireless, di cui Vodafone possedeva il 45 per cento. Colao ha lasciato la carica di amministratore delegato di Vodafone del 2018, ed è stato sostituito dal britannico Nick Read.

– Leggi anche: Cosa ha deciso l’Europa, quindi

Il gruppo di esperti che guiderà Colao avrà il compito di studiare come «modificare le logiche dell’organizzazione del lavoro sin qui consolidate, di ripensare alcuni radicati modelli organizzativi di vita economica e sociale». Dialogherà e in alcuni casi affiancherà il comitato tecnico-scientifico che assiste il governo nello studio della curva epidemiologica in Italia, in modo da pensare a come far ripartire le attività economiche dopo il 3 maggio.