Michael e Kirk Douglas nel 2002 (Scott Halleran/Getty Images)

16 idee per fare regali ai padri

Tra cui uno shampoo per capelli grigi, un tostapane a visione panoramica e il regalo più apprezzato dell'anno scorso

Michael e Kirk Douglas nel 2002 (Scott Halleran/Getty Images)

Quest’anno la festa del papà arriverà, il 19 marzo, in un momento un po’ particolare, in cui è meglio fare gli auguri al proprio padre solo per telefono. Se nonostante questo – e magari proprio per questo – volete fare un regalo a un papà e magari spedirglielo, potete fare un ordine su internet: abbiamo messo insieme alcune idee.

Se poi volete che il papà in questione resti informato sugli sviluppi sul coronavirus (SARS-CoV-2) potete dirgli di iscriversi alla newsletter quotidiana del Post sulla situazione: arriva tutte le sere ed è gratuita.

Dei prodotti per barba e capelli
American Crew è un marchio americano che fa solo prodotti per barbieri, molto buoni e con delle confezioni molto belle. Se i vostri padri hanno ancora una chioma folta, potete fare come un redattore che l’anno scorso al suo ha regalato uno shampoo apposta per dare luce ai capelli grigi (15 euro). Per padri con la barba c’è questo balsamo, che a giudicare dalle recensioni è profumato il giusto (14,50 euro), oppure per chi si rasa tutte le mattine questa crema dopobarba (20 euro).

Ora Consumismi ha una sua newsletter, gratis

Un altoparlante intelligente
I dispositivi altoparlanti che funzionano con assistente vocale intelligente sono molto facili da usare e potrebbero riscuotere più successo in alcuni padri (pensiamo ai padri con più esperienza) di quanto ne abbiano riscosso tra le persone più abituate a usare lo smartphone per ogni cosa. Ditegli che servono per ascoltare musica, fare domande e avere risposte, ascoltare le ultime notizie, sapere le previsioni del tempo o impostare sveglie, semplicemente parlando e senza dover smanettare. Echo Dot di 3° generazione, il dispositivo di Amazon che supporta Alexa, ora costa 60 euro. Allo stesso prezzo si può comprare anche quello di Google, Google Nest.

Una camicia
La camicia è un classico regalo per padri, ma non deve necessariamente essere un regalo prevedibile. Potreste osare un po’ — soprattutto se avete un padre che non se ne intende di moda, ma solitamente disposto a provare cose nuove — per esempio regalandogli una camicia col colletto alla coreana, o di un colore che lui non avrebbe mai scelto ma che voi pensate possa stargli bene. Di camicie col colletto alla coreana sul sito di Uniqlo ce ne sono diverse, di colori più o meno tradizionali e costano 30 euro. Ad esempio questa è di un rosa non troppo acceso, facilmente abbinabile, in lino misto cotone. Altrimenti questa è di un colore più classico in cotone extrafino.

Una bella borraccia
Per padri che per un motivo o per un altro sono sempre in giro, una borraccia bella e funzionale sarà un regalo gradito, oltre che piuttosto alla moda negli ultimi tempi. La Simple Modern è la borraccia con il design più elegante tra le migliori selezionate da Wirecutter, il sito di recensioni del New York Times. Potete scegliere una tinta sobria come questa color sogno del pacifico o, se il padre a cui dovete fare un regalo ha gusti più eccentrici, questa con fantasia “marmo di Carrara”. Se poi avete un padre francese o filofrancese, c’è questa, definita “color libertà”. Ma ci sono anche a tinta unita, se preferite. Costano 14 euro l’una.

Un libro per neogenitori
Se siete delle neomamme o dei neononni e state pensando che anche i neopapà meriterebbero un regalo per il 19 marzo, abbiamo due libri illustrati adatti alla situazione. Il primo è Pigiama computer biscotti di Alberto Madrigal: la storia di un giovane uomo alle prese con le responsabilità di essere papà e con tutte le incertezze e la precarietà tipica di chi fa un lavoro creativo (che poi è quello dell’autore). Rileggete il titolo, guardate la copertina e capirete immediatamente se è adatto al vostro  genere di padre. Per chi ha scoperto che diventerà papà, invece, è da poco stato ri-pubblicato Papà. Guida alla gravidanza maschile. Dal concepimento ai primi mille pannolini di Giacomo Papi, scrittore e blogger del Post.

Per chi preferisce i romanzi senza figure, c’è La bambina ovunque di Stefano Sgambati, un’autobiografia che, in modo spesso divertente e divertito, racconta di come l’autore e la moglie per diversi anni abbiano cercato di avere un figlio e di come alla fine abbiano avuto una bambina, il tutto dalla prospettiva di un futuro padre e poi neo-padre che cerca di capire il suo nuovo ruolo. Per farvi un’idea potete leggere un estratto.

Un reggi giornale
È un regalo particolarmente adatto a un padre da poco in pensione e finalmente libero di dedicare tutto il tempo necessario alla lettura dei giornali (rigorosamente di carta), magari comodamente seduto in poltrona. Questo che si trova su Etsy è in legno e metallo, è fatto a mano e costa 49 euro più le spese di spedizione. Arriva dall’Austria quindi ci mette dai 3 ai 5 giorni lavorativi. Va bene per giornali fino a 63 centimetri di altezza: ci stanno perfettamente tutti i principali quotidiani italiani.

Certo, se poi volete fargli scoprire il mondo dei giornali online e dei formati digitali, potete sempre considerare un tablet. Secondo Wirecutter, questo da 100 euro è il migliore tra quelli economici.

Una pompetta per conservare bene il vino (fermo)
Vi riproponiamo un oggetto che il padre di una redattrice del Post ama molto e che è stato il più apprezzato tra i regali per padri dell’anno scorso. È una pompetta per conservare meglio il vino rimasto in una bottiglia aperta e non finita. Serve per tirare fuori l’aria che ne altererebbe le qualità. Ovviamente non si può usare con il vino frizzante, ma questo non serve specificarlo, vero? Costa 13 euro.

Poi se, oltre al tappo, volete metterci anche il vino, potete regalargli un abbonamento a Winehoop, un servizio a domicilio che consegna ogni mese due bottiglie selezionate da sommelier per scoprire nuovi sapori.

Una giacca impermeabile
Per quando torneremo a uscire di casa più spesso, se pioverà. Questa della marca danese Rains è molto sobria e di un materiale impermeabile e resistente, ma anche bello da toccare e da vedere, in vari colori. Se volete seguire una moda che ha preso molto piede nella redazione del Post, potete scegliere questo giallo ma ci rendiamo conto che non è per tutti i padri. In alternativa, sempre se siete disposti a farvi influenzare dalle mode della redazione, da qualche settimana due redattori sfoggiano baldanzosi questo K-Way, anche se in due colori diversi. L’impermeabile di Rains costa tra i 70 e gli 80 euro in base alla taglia, quello di K-Way tra gli 80 e i 90. In generale sul sito di K-Way ci sono alcuni sconti sull’abbigliamento da uomo.

Un tostapane con visione panoramica
Se vostro padre è un amante del pane tostato al punto che, se potesse, starebbe a guardare le fette annerire per estrarle solo al momento che secondo lui è quello ottimale, questo è il regalo per lui. Si trova su eBay a 160 euro.

Un libro per capirne di più
Se siete di quei figli che con gli anni hanno cominciato a prendersi a cuore l’aggiornamento culturale dei propri genitori, e se i vostri padri sono di quelli che in fatto di libri si fidano solo dei vostri consigli, abbiamo selezionato tre libri dell’ultimo anno che spiegano cose complesse in modo semplice e interessante. Il primo è Questa è l’America, il primo libro del peraltro vicedirettore del Post Francesco Costa che racconta attraverso varie storie americane perché il divario tra ciò che pensiamo di sapere e ciò che sappiamo degli Stati Uniti è così ampio. Qui potete leggerne un pezzo.

Per padri a cui piace la storia, c’è uno dei libri più apprezzati dai lettori del Post in questi ultimi mesi: Infografica della Seconda guerra mondiale, un libro di vari autori che racconta la storia della Seconda guerra mondiale dal suo inizio fino alle conseguenze con grafiche basate su dati recenti e spesso meno conosciuti. Infine, vi consigliamo Spillover di David Quammen, di cui probabilmente avrete sentito parlare in questi giorni: per padri che in questi giorni di grande attenzione al tema delle malattie contagiose e dei virus vogliono capirne un po’ di più e avere una panoramica del tema sia da un punto di vista scientifico che sociologico.

Fitbit
Nel 2014, David Sedaris, noto scrittore americano e umorista, raccontò sul New Yorker la sua esperienza con il contapassi di Fitbit: dopo averne sentito parlare da una conoscente e averlo comprato, scoprì che la vibrazione che faceva al raggiungimento dei diecimila passi giornalieri gli dava talmente tanta soddisfazione che cominciò a camminare continuamente e ovunque. Sedaris ha 63 anni, quindi è un testimonial perfetto per padri di quell’età, soprattutto se parlano spesso di volersi rimettere in forma, ma faticano a trovare la giusta motivazione.

Fitbit Inspire HR è comodo da indossare, si sincronizza con la app e tiene il conto delle attività fisiche che facciamo ma anche di altri valori come il battito cardiaco e la qualità del sonno. È uno dei migliori fitness tracker per qualità e prezzo: costa 80 euro. Insieme potete regalargli Calypso, l’ultimo libro di Sedaris uscito in Italia, in cui c’è anche il racconto (davvero molto divertente) sul Fitbit.

Una radio retro
Tra tutte quelle dall’estetica vintage che si vedono in giro adesso, questa di Sangean è particolarmente bella. Su Amazon costa 182 euro.

Una bella penna 
Se vostro padre fa uno di quei lavori per cui serve sempre avere una penna a portata di mano, come per esempio il medico o l’insegnante (ma anche se fa spesso parole crociate e sudoku), potreste regalargliene una un po’ speciale che non dimenticherà facilmente in giro. Questa di Parker Jotter per esempio è una delle migliori selezionate da The Strategist e, oltre a essere molto elegante, pare faccia anche un suono piacevolissimo quando si preme il bottone in cima per far uscire la punta. Su Amazon costa tra i 14 e 17 euro: è interamente in metallo, ma alcuni modelli hanno dei dettagli colorati.

Un paio di auricolari wireless
Tra i vecchi auricolari con il filo che si impigliano da tutte le parti e i nuovi auricolari piccoli e senza fili che scompaiono nelle orecchie, questi di Aukey sono una via di mezzo che ci sembra molto adatta a certi padri. Infatti sono wireless, nel senso che si collegano al telefono col Bluetooth, ma hanno in realtà un filo che li tiene collegati tra di loro e permette di tenerli legati al collo quando non si usano, senza perderli. Su Amazon costano 26 euro. Se l’idea degli auricolari vi piace ma questo modello non vi convince, qui avevamo scritto delle cose sugli altri migliori modelli in circolazione.

Un tavolino da divano
È un regalo adatto ai padri che passano molto tempo sul divano. Ha due spazi per appoggiare tazze o bicchieri e una tasca per metterci dentro tutto ciò che serve avere a disposizione per non doversi alzare ogni volta: telefono, telecomando, giornale, tablet e così via. È color tabacco e sotto ha una retina che lo tiene aderente al bracciolo del divano, quindi non scivola. Costa 44 euro.

Una pinza prendi uova
Per un padre ghiotto di uova sode. Costa 15 euro.

***

Disclaimer: con alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google. Se invece volete saperne di più di questi link, qui c’è una spiegazione lunga.