(ANSA/MOURAD BALTI TOUATI)
  • Italia
  • venerdì 28 Febbraio 2020

La situazione del coronavirus in Italia

Ci sono 821 contagiati, a cui si aggiungono 21 morti e 46 guariti, secondo gli ultimi dati diffusi dalla Protezione Civile

(ANSA/MOURAD BALTI TOUATI)

Secondo gli ultimi dati ufficiali di venerdì 28 febbraio, in Italia sono stati accertati finora 821 casi di contagio da coronavirus (SARS-CoV-2), a cui si aggiungono 46 persone guarite. Le morti legate al coronavirus sono 21, 4 in più rispetto a giovedì (3 ultraottantenni e 1 ultrasettantenne).

Durante la conferenza stampa di venerdì pomeriggio, Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile e commissario straordinario per l’emergenza, ha detto di aver firmato due ordinanze che prevedono l’affidamento all’Istituto Superiore di Sanità della sorveglianza epidemiologica per il virus e un piano di potenziamento dei dispositivi di ventilazione negli ospedali.

Al momento sono stati individuati due focolai del virus: uno nel lodigiano, dove si trova anche Codogno, la città in cui è stato confermato il primo caso in Italia, e uno a Vo’, in provincia di Padova. Ci sono anche molti altri casi di contagio in Italia che sembrano essere legati a questi due focolai. Lo stesso vale per molti casi di contagio in Europa degli ultimi giorni: ne sono stati confermati in Spagna, Svizzera, Lituania, Austria, Croazia, Francia, Germania, Danimarca, Paesi Bassi e sembrano tutti avere a che fare con l’Italia. Lo stesso vale per alcuni casi recenti in Brasile e in Nigeria.

Sempre venerdì, inoltre, l’Istituto Spallanzani di Roma ha annunciato la dimissione dello studente italiano di 17 anni che era rimasto bloccato in Cina per alcuni giorni, e che era tornato in Italia solo il 15 febbraio. Lo studente era risultato negativo ai test, ed era stato posto in quarantena per due settimane.

Le cose da sapere sul coronavirus

– Leggi anche: Le conseguenze economiche dell’epidemia

Mercoledì Borrelli aveva spiegato che i dati sui contagi sono forniti in base alle comunicazioni delle regioni e del ministero della Sanità, e che c’è un altro numero di contagi che invece viene invece fornito dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) dopo aver effettuato le controprove sui campioni inviati dalle regioni, e quindi con tempi più lunghi: alle 17 di venerdì l’ISS ha riscontrato 383 casi positivi su 383 casi esaminati.

Tutti i test che vengono fatti a livello locale, e poi ripetuti per una seconda conferma, devono infatti essere trasmessi all’Istituto Superiore di Sanità per un terzo controllo, il più preciso: solo a quel punto un test positivo può essere contato come un vero caso di contagio. Sono passaggi di controllo importanti perché i primi test non sono sempre completamente affidabili e a volte essere imprecisi e dare risultati errati.

– Leggi anche: Il coronavirus è incontenibile?

Mercoledì sera si è molto parlato della situazione a Milano, dopo la decisione della regione Lombardia di rivedere l’ordinanza con cui dopo i primi casi di coronavirus era stato deciso di chiudere bar e locali pubblici dalle 18 alle 6 del mattino, come misura precauzionale.

Pur non modificando l’ordinanza originale, la regione ha spiegato che a certe condizioni – per esempio quella di effettuare servizio al tavolo e non al banco – i bar sarebbero potuti tornare ai loro consueti orari di servizio. Sempre mercoledì si è parlato del contagio di una stretta collaboratrice del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, e lo stesso Fontana e diversi altri dipendenti della Regione si sono sottoposti ai test (almeno nel caso di Fontana risultati per ora negativi).

Giovedì, inoltre, è stata annunciata la riapertura al pubblico del Duomo di Milano, che aveva chiuso ai turisti domenica scorsa. Il Duomo riaprirà da lunedì 2 marzo, ma gli ingressi saranno contingentati e i biglietti si potranno acquistare solo online.

– Leggi anche: Ha senso isolare le navi con i migranti per via del coronavirus?