Google ha diffuso per la prima volta dei dati sui ricavi di YouTube: 15 miliardi di dollari nel 2019

Lunedì Google ha diffuso per la prima volta dei dati sui ricavi pubblicitari di YouTube, la piattaforma per i video che possiede dal 2006: negli ultimi tre mesi del 2019 il sito ha ottenuto quasi 5 miliardi di dollari in ricavi pubblicitari e nell’intero anno 15,5 miliardi di dollari, pari al 10 per cento di tutti i ricavi di Google. Secondo questi dati il giro d’affari di YouTube è pari a quasi un quinto di quello di Facebook. Dal 2018 al 2019 poi i ricavi di YouTube sono cresciuti del 36,5 per cento.

In aggiunta ai ricavi pubblicitari, YouTube ha anche comunicato quelli che derivano dai suoi sistemi di abbonamento. Google ha detto che gli abbonati sono più di 20 milioni.

In totale Alphabet, la società che controlla Google, ha ottenuto un fatturato di 46 miliardi di dollari negli ultimi tre mesi del 2019, con una crescita del 17 per cento rispetto al 2018; il motore di ricerca continua a essere la principale fonte di ricavi per l’azienda, a cui ha fatto ottenere 27,2 miliardi di dollari nel trimestre e 98,1 miliardi nell’intero 2019. Sono stati diffusi per la prima volta anche i dati sui ricavi di Google Cloud, il servizio di cloud computing: 2,6 miliardi nel trimestre. I profitti di tutto il gruppo invece sono stati di 10,7 miliardi di dollari.

È possibile che Google abbia diffuso per la prima volta i dati su YouTube e Google Cloud per ottenere maggiore fiducia dagli investitori, dato che la crescita dei ricavi è stata minore di quanto previsto.

Alphabet, la holding che controlla Google, è diventata la quarta società statunitense a raggiungere mille miliardi di dollari di capitalizzazione

 

(Chris McGrath/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.