• Mondo
  • martedì 31 Dicembre 2019

Le foto dei grandi incendi in Australia

Le alte temperature degli ultimi giorni e forti venti hanno aggravato la situazione: migliaia di persone sono andate sulle spiagge per sfuggire alle fiamme e al fumo

In Australia si è già festeggiato il Capodanno e sulla baia di Sydney si sono visti i tradizionali e spettacolari fuochi d’artificio, che però quest’anno sono stati molto criticati: in tutto il paese infatti, e da settimane, ci sono grandi incendi, motivo per cui molti spettacoli con i fuochi d’artificio sono stati cancellati, e in tanti avevano chiesto che anche quelli di Sydney – che costano molto, quasi 3,8 milioni di euro – fossero annullati. Tra lunedì e martedì peraltro la situazione si è aggravata: in tutti gli stati australiani le temperature hanno superato i 40°C e questo, insieme ai forti venti, ha favorito la diffusione degli incendi.

Negli stati del sud-est in particolare migliaia di persone hanno cercato riparo sulle spiagge per fuggire da fiamme e fumo. A Mallacoota, nello stato di Victoria, circa quattromila persone si sono spostate sulle spiagge e molte località turistiche lungo la costa sono state isolate dal resto del paese a causa della chiusura della Princes Highway a causa degli incendi. Aerei e navi dell’esercito saranno impegnate per aiutare i vigili del fuoco e gli altri addetti ai soccorsi sia nello stato di Victoria che nel Nuovo Galles del Sud, anche per portare avanti le evacuazioni.

Due persone sono morte nel Nuovo Galles del Sud, portando il numero totale dei morti da settembre a causa degli incendi a 12; quattro persone sono disperse nello stato di Victoria e un’altra nel Nuovo Galles del Sud. L’Australia ha chiesto aiuto anche agli Stati Uniti e al Canada per poter avere un maggior numero di aerei per gestire l’emergenza.

Le operazioni di alcuni vigili del fuoco per contenere un incendio vicino a Nowra, il 31 dicembre 2019, in una fotografia a lunga esposizione (Saeed KHAN / AFP)