Parigi, 5 dicembre (EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON/ansa)
  • Mondo
  • sabato 7 Dicembre 2019

Il problema delle pensioni in Francia, spiegato

È uno dei paesi d'Europa dove si va in pensione prima e meglio, ma il sistema non funziona bene per tutti

Parigi, 5 dicembre (EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON/ansa)

Giovedì e venerdì, uno sciopero generale nazionale ha bloccato o notevolmente rallentato trasporti e servizi pubblici di tutta la Francia, mentre decine di migliaia di persone protestavano in tutto il paese. Lo sciopero e le manifestazioni erano state organizzate per protestare contro la riforma delle pensioni che vuole introdurre il presidente Emmauel Macron e che per molti comporterebbe un peggioramento della propria situazione. Per altri la riforma sarebbe una buona notizia e secondo Macron renderebbe più giusto e sostenibile uno dei sistemi pensionistici più generosi e complicati del mondo.

Come funzionano le pensioni in Francia

Sulla carta l’età pensionabile è di 62 anni per tutti i lavoratori, ma per via di vecchi accordi sindacali e un sistema molto complicato, le cose variano molto tra le diverse categorie di lavoratori e tra settore pubblico e privato. I macchinisti delle ferrovie statali, per esempio, vanno in pensione a 50 anni, mentre i dipendenti della metropolitana a 55. I dipendenti delle società pubbliche che forniscono gas ed elettricità possono andare in pensione a 57 anni, i ballerini del corpo di ballo nazionale, che iniziano a lavorare molto presto, già a 42 anni.

Per come fu strutturato il welfare francese quando fu fondato dopo la Seconda guerra mondiale, diverse categorie di lavoratori gestiscono i loro fondi pensionistici autonomamente e con condizioni privilegiate. In tutto ci sono 42 casse pensionistiche, come quella per i dipendenti delle ferrovie o quella degli infermieri. La gestione separata, pensata per rispondere meglio alle esigenze di diversi lavoratori, ha però prodotto una notevole diversità di trattamento. Molti lavoratori che non fanno parte di nessuna categoria “protetta”, aveva spiegato Politico, vanno in pensione oltre i 62 anni e ricevono una pensione di circa 1.000 euro, mentre i ferrovieri ricevono pensioni a partire da 2.100 euro al mese pur con meno anni di contributi.

Per i dipendenti del settore privato, inoltre, le pensioni sono calcolate in base ai 25 anni di maggiori contributi versati, mentre per i dipendenti del settore pubblico il calcolo si fa prendendo in considerazione solo gli ultimi sei mesi di servizio, quelli dove normalmente si raggiunge il picco di retribuzione. La Francia è uno dei paesi europei in cui in media si va in pensione più presto e ricevendo le pensioni più alte, ma dove le differenze tra i pensionati sono molte. Liberi professionisti e agricoltori sono tra le categorie più svantaggiate dall’attuale sistema e le donne, che hanno in media carriere più discontinue e cambiano diversi mestieri, sono spesso costrette a lavorare fino a 67 anni per ottenere un sussidio sufficiente.

Manifestazione dei Vigili del Fuoco durante lo sciopero generale del 5 dicembre
(CLEMENT MAHOUDEAU/AFP/LaPresse)

La riforma

Macron ha detto di voler riorganizzare il sistema pensionistico introducendo una gestione unica e un metodo di calcolo della pensione uguale per tutti i lavoratori. La riforma dovrebbe introdurre un sistema a punti, accumulabili dai lavoratori durante gli anni di carriera e convertibili in pensione: questo dovrebbe eliminare parte delle differenze che esistono ora tra i lavoratori. Macron ha detto più volte di non voler diminuire la spesa pensionistica complessiva (che è circa il 14 per cento del PIL) e in campagna elettorale aveva promesso di non aumentare l’età della pensione oltre i 62 anni: sembra però che la sua riforma prevederà incentivi per lavorare più a lungo, in modo che l’età della pensione si alzi di fatto a 64 anni.

La riforma dovrebbe anche rendere finanziariamente più sostenibile il sistema, che secondo un recente studio pubblico potrebbe produrre un buco di 19 miliardi di euro entro il 2025 se non ci saranno cambiamenti.

Molti altri dettagli sulla riforma non ci sono ancora. Nonostante gli scioperi siano già iniziati, infatti, la riforma non è ancora stata presentata. La prima bozza dovrebbe arrivare la prossima settimana, la versione definitiva della riforma non prima del prossimo anno e – se si arrivasse a un’approvazione – non entrerebbe in vigore prima del 2025.

Le proteste

Diversi sondaggi hanno rilevato che i francesi sono in maggioranza favorevoli a una riforma del sistema pensionistico che ne corregga le storture più evidenti, ma il poco che si sa della riforma di Macron ha comunque prodotto molto malcontento tra i lavoratori che al momento godono delle condizioni migliori.

Agenti di polizia a Parigi, durante la manifestazione del 5 dicembre
(AP Photo/Rafael Yaghobzadeh)

Il calcolo delle pensioni con il sistema dei punti ridurrebbe molto le pensioni dei dipendenti pubblici, costringendoli a lavorare più a lungo per ottenere la pensione che desiderano. Il nuovo sistema sarebbe inoltre più rigido rispetto alle differenze tra i lavori più logoranti e quelli che lo sono meno: i ferrovieri, per esempio, sostengono che le lunghe ore di lavoro, i turni notturni e l’impossibilità di fermarsi per i pasti agli orari consueti abbassi la loro aspettativa di vita e che andare in pensione prima sia dunque giusto. L’attuale sistema di gestione separata permetteva questa differenza, il sistema a punti la renderebbe meno evidente.

Tanta opposizione a una riforma che non è ancora stata presentata, secondo diversi giornali, sarebbe comunque collegata in parte alla paura dei sindacati francesi di perdere rilevanza. I sindacati sono spesso stati marginalizzati dalle riforme introdotte da Macron negli ultimi anni e le organizzazioni più piccole e radicali sembrano in parte essere state superate da movimenti come quello dei “gilet gialli”, che portò a violentissime proteste contro il governo durante la prima metà del 2019. Il più grande sindacato francese, CFDT, è moderatamente favorevole alla riforma, mentre i principali sindacati dei lavoratori pubblici – tra cui CGT e Force Ouvriere – sono tra i suoi primi oppositori.

Il prossimo sciopero generale è stato indetto per martedì prossimo, prima che il governo presenti la sua prima bozza di riforma.