Joao Pedro dopo uno dei due gol segnati alla Sampdoria (LaPresse/Tocco Alessandro)
  • lunedì 2 dicembre 2019

La classifica della Serie A dopo la 14ª giornata

La Juventus ha pareggiato, l'Inter è tornata prima in classifica, il Milan ha vinto dopo un mese, il Cagliari è quarto sopra Roma e Lazio

Joao Pedro dopo uno dei due gol segnati alla Sampdoria (LaPresse/Tocco Alessandro)

La quattordicesima giornata del campionato di Serie A 2019/20 si è giocata tra sabato 30 novembre e lunedì 2 dicembre. È iniziata sabato con le vittorie negli anticipi di Atalanta, Torino e Lecce ed è proseguita domenica, dal pareggio tra Juventus e Sassuolo all’ora di pranzo alla vittoria della Roma a Verona nel posticipo delle 20.45. Nel pomeriggio, grazie alla vittoria contro la Spal, l’Inter è tornata prima in classifica. La quattordicesima giornata si è conclusa lunedì con la vittoria del Cagliari contro la Sampdoria.

Sabato
15.00
Brescia-Atalanta 0-3
26° Pasalic, 61° Pasalic, 92° Ilicic
18.00
Genoa-Torino 0-1
77° Bremer
20.45
Fiorentina-Lecce 0-1
49° La Mantia

Domenica
12.30
Juventus-Sassuolo 2-2
20° Bonucci, 23° Boga, 47° Caputo, 68° Ronaldo
15.00
Inter-Spal 2-1
16° Martinez, 41° Martinez, 50° Valoti
Lazio-Udinese 3-0
9° Immobile, 36° Immobile, 45° Luis Alberto
Parma-Milan 0-1
88° Hernandez
18.00
Napoli-Bologna 1-2
41° Llorente, 58° Skov Olsen, 80° Sansone
20.45
Verona-Roma 1-3
17° Kluivert, 21° Faraoni, 45° Perotti

Lunedì
20.45
Cagliari-Sampdoria 4-3
38° Quagliarella, 52° Ramirez, 68° Nainggolan, 70° Quagliarella, 74° Joao Pedro, 76° Joao Pedro, 96° Cerri

La classifica della Serie A dopo la quattordicesima giornata:

  1. Inter 37
  2. Juventus 36
  3. Lazio 30
  4. Cagliari 28
  5. Roma 28
  6. Atalanta 25
  7. Napoli 20
  8. Parma 18
  9. Verona 18
  10. Torino 17
  11. Milan 17
  12. Bologna 16
  13. Fiorentina 16
  14. Sassuolo 14*
  15. Lecce 14
  16. Udinese 14
  17. Sampdoria 12
  18. Genoa 10
  19. Spal 9
  20. Brescia 7*

* Una partita in meno

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.