(Jon Shapley/Houston Chronicle via AP)

Un regalo di Natale al giorno: -24

Un gioco per bambini di quelli che piacciono molto agli adulti

(Jon Shapley/Houston Chronicle via AP)

C’è stato un tempo in cui il Post aderiva senza tentennamenti alla “mozione Flanagin”, dal nome di un giornalista americano contrario allo scambio di regali tra adulti. Poi ci siamo gradualmente addolciti e da qualche anno, quando arriva dicembre, ci spremiamo le meningi per dare qualche idea a chi i regali di Natale ama farli (o deve farli, un po’ costretto dalle circostanze). Quindi, ecco un regalo di Natale al giorno: per un mese, fino al 24 dicembre, vi suggeriamo un oggetto che si possa acquistare facilmente online e senza aspettare troppo. Uno solo al giorno, per non impegnarvi troppo: se può funzionare per qualcuno che conoscete, cliccate, comprate, e risolto. Se no ci riproviamo il giorno dopo.

Un bellissimo gioco di Bruno Munari 
Bruno Munari è stato uno dei più importanti designer italiani e si è occupò anche di pittura, grafica, pubblicità, fotografia, arte. Tra le altre cose, dal 1959 al 1976, progettò diversi giochi in scatola per Danese. La casa editrice Corraini ne ha ripubblicati quattro che Munari creò insieme a Giovanni Belgrano: si chiamano Più e meno, Trasformazioni, Immagini della realtà e Otto sequenze da mettere in ordine. Sono molto particolari, molto belli da vedere e funzionano molto bene per far giocare gli adulti insieme ai bambini. O anche gli adulti e basta, perché no.

Il primo a essere ripubblicato è stato Più e meno, uscito originariamente nel 1970. È composto da 72 grandi carte, 42 delle quali sono stampate su sfondi trasparenti che potete comporre e sovrapporre, aggiungere o togliere sulla base della storia che volete raccontare, dell’immagine che volete creare. Può decisamente appassionare gli adulti: questo è quello che è successo su una delle scrivanie della redazione quando è stata aperta la confezione.

Un po’ di carte di “Più e meno” su una delle scrivanie bianche della redazione del Post

Se siete poco ortodossi e non vi importa di rispettare la struttura flessibile alla base del gioco, sappiate che le carte di Più e meno sono molto decorative se le appendete alla parete in una piccola cornice (se la cornice è retroilluminata, anche meglio). Se poi la persona per cui cercate un regalo è di quelle che mettono tutto su Instagram, ancora meglio: sono della forma perfetta per pubblicarle sul feed. Sul sito di Corraini Più e meno costa 40 euro, su Amazon 32 euro.

Il Post ha fatto una newsletter sui regali di Natale

Un po’ di carte di “Più e meno” sul tavolo nero della sala riunioni del Post

Se l’idea del gioco di Munari vi piace, ma Più e meno non vi convince fino in fondo, date un’occhiata anche a Trasformazioni: è fatto di 60 carte da accostare in orizzontale o in verticale per creare sequenze di immagini. Alcune carte mostrano animali, parti di alberi, fiori e altre cose che si vedono in natura. In alternativa, più interessante per gli adulti, c’è Immagini della realtà, 40 immagini fotografiche che rappresentano diversi soggetti – una scarpa, una mano, una lampadina, etc – da vari punti di vista e in forme diverse. Otto sequenze da mettere in ordine, infine, è decisamente più per bambini e contiene quello che immaginate. Costano tutti e tre tra i 42 e i 43 euro, sul sito di Corraini.

Se questi non ti piacciono, hai guardato le nostre liste?

Regali a meno di 20 euro
Regali tra i 20 e i 60 euro

Altrimenti ci sono le liste di idee per fare un regalo che vi abbiamo consigliato l’anno scorso e quelle che vi abbiamo suggerito a novembre:

20 idee per liberarsi a novembre dal pensiero dei regali di Natale

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli della sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.