matilde-hidalgo-de-procel
Matilde Hidalgo de Procel (Wikimedia)
  • Cultura
  • giovedì 21 novembre 2019

Chi era Matilde Hidalgo de Procel

È stata una dottoressa, poetessa e attivista, e diede un grande contributo per far affermare il diritto di voto di tutte le donne dell'Ecuador, negli anni Venti del Novecento

matilde-hidalgo-de-procel
Matilde Hidalgo de Procel (Wikimedia)

Matilde Hidalgo de Procel, nata nel settembre 1889 e morta nel febbraio 1974, è stata una dottoressa, poetessa e attivista ecuadoriana. Matilde Hidalgo de Procel fu la prima donna ecuadoriana a diventare dottoressa e fu anche grazie a lei che l’Ecuador, indipendente dal 1822, divenne il primo paese sudamericano a dare diritto di voto a tutte le donne.

Hidalgo de Procel era nata a a Loja – nel sud del paese, vicino al confine con il Perù – ed era la più giovane tra i sei figli di una sarta rimasta vedova. Anche grazie all’iniziale aiuto del fratello, riuscì a studiare fino a che nel 1921 riuscì laurearsi in medicina presso la Universidad del Azuay. In alcuni articoli è scritto che per i primi tempi la volontà di Hidalgo de Procel di proseguire gli studi, e non fermarsi dove in genere si fermavano la maggior parte delle donne, fu malvista dalle famiglie del suo paese, ma che i suoi fratelli e sua madre le diedero sempre supporto.

Nel 1924 Hidalgo de Procel si registrò per poter votare, glielo impedirono, e lei si oppose argomentando che la costituzione dell’Ecuador non faceva espliciti riferimenti al genere, ma che nonostante questo alle donne non era concesso il diritto di voto. La sua lotta diede il via a una revisione che portò poi all’istituzione del suffragio realmente universale in Ecuador. Nel 1941 Hidalgo de Procel fu anche la prima donna a ricoprire una carica elettiva.

La parte del cognome “de Procel” arrivò negli anni Venti, quando Hidalgo sposò l’avvocato Fernando Procel, con il quale ebbe due figli. Negli anni Hidalgo de Procel proseguì i suoi studi dedicandosi tra le altre cose a pediatria e neurologia – e si fece anche conoscere come poetessa. Morì nel 1974 a Guayaquil, dove si era trasferita da alcuni anni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.