• Media
  • martedì 19 novembre 2019

Gli articoli della Stampa sono di nuovo coperti da copyright, dopo l’abbandono della licenza Creative Commons

Il quotidiano La Stampa ha smesso di diffondere i suoi contenuti con la licenza Creative Commons – una licenza sul diritto d’autore più flessibile di quella usata normalmente dai quotidiani, che aveva iniziato a usare nel 2015 – e di essere quindi tornato al più tradizionale copyright. In sintesi, quindi, dopo qualche anno la Stampa ha scelto di tornare a un tipo di licenza meno flessibile in cui ci sono “tutti i diritti riservati” e non, come nel caso di licenza Creative Commons, solo alcuni diritti.

La Public Editor della Stampa, Anna Masera, ha scritto che «si tratta di una decisione presa dopo la revisione grafica e il cambio di sistema editoriale online per uniformarsi alle altre testate del gruppo Gedi, di cui La Stampa fa parte» e che la decisione è stata presa perché «in questi ultimi anni è cambiato lo scenario».

La licenza adottata era la forma di CC più restrittiva: prevedeva l’obbligo di credit (by) ad autore e testata, subordinava gli usi commerciali a uno specifico accordo (nc – non commerciale), e vietava l’uso derivativo (nd – non derivative): cioè non si poteva prendere un pezzo della Stampa e inserirlo in un’altra opera senza autorizzazione di autore ed editore. Fatte salve queste condizioni, il singolo articolo era condivisibile.

(Fabio Ferrari - LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.