(Drew Angerer/Getty Images)
  • Mondo
  • lunedì 18 novembre 2019

Gli Stati Uniti hanno cambiato opinione sugli insediamenti israeliani in Cisgiordania

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha detto che d'ora in poi non saranno più ritenuti illegittimi

(Drew Angerer/Getty Images)

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha detto che gli Stati Uniti non riterranno più illegittimi gli insediamenti israeliani in Cisgiordania, come invece era accaduto fino a ora. Con questa decisione gli Stati Uniti hanno cambiato una posizione che il paese aveva avuto per decenni, da quando nel 1978 il presidente Jimmy Carter fece sapere di ritenerli ingiusti secondo le leggi internazionali. In seguito, nonostante un diverso parere di Ronald Reagan, anche con altri presidenti gli Stati Uniti avevano continuato a ritenerli illegittimi. Pompeo ha detto che l’amministrazione guidata dal presidente Donald Trump ha deciso che «Gli insediamenti di civili israeliani in Cisgiordania non sono discordanti con le leggi internazionali».

Gli insediamenti di Israele in Cisgiordania ci sono dal 1967, cioé dalla Guerra dei Sei Giorni e sono una delle questioni più complesse quando si parla di Israele e Palestina, perché la loro presenza, e il fatto che Israele ne rivendichi la legittimità, è uno dei più grandi ostacoli a una possibile pace. Dal 1967 a oggi sono stati costruiti più di cento insediamenti tra la Cisgiordania e Gerusalemme Est, e ci abitano più di 500mila persone.

Come scrive il New York Times, negli anni passati i palestinesi avevano chiesto le terre degli insediamenti per formare un loro stato, «un obiettivo supportato dalla comunità internazionale». Sempre il New York Times spiega però che «Trump ha costantemente cambiato le politiche statunitensi nei confronti di Israele e dei territori palestinesi». Già ad aprile, Trump aveva riconosciuto la sovranità di Israele sulle Alture del Golan, un altopiano che si estende per circa 1.800 chilometri quadrati tra Israele, Siria, Giordania e Libano. Ancor prima, nel 2017, aveva invece riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.