Italia Viva ha presentato due emendamenti al decreto fiscale per reintrodurre lo “scudo penale” per ArcelorMittal

Italia Viva ha depositato in Commissione Finanze della Camera due emendamenti al decreto fiscale per ripristinare il cosiddetto “scudo penale” per ArcelorMittal. La norma, di cui godevano gli amministratori dell’ILVA e che li proteggeva dal rischio di essere coinvolti in cause per i problemi ambientali e di sicurezza creati dalle gestioni precedenti dell’impianto, era stata definitivamente eliminata lo scorso 31 ottobre dal Parlamento, con il voto favorevole di Movimento 5 Stelle, PD e della stessa Italia Viva. L’eliminazione della norma era stata tra i motivi che avevano portato Arcelor Mittal a decidere di sciogliere il contratto che la obbliga ad acquistare la più grande acciaieria d’Europa, l’ex ILVA di Taranto. Il primo dei due emendamenti presentati da Italia Viva riguarda solamente lo stabilimento di Taranto, il secondo riguarda tutte le imprese che devono adempiere ad opere di bonifica ambientale.

 

(Michele Amoruso/Pacific Press via ZUMA Wire)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.