L’Unione Europea ha disapprovato all’unanimità l’operazione militare della Turchia in Siria

Il Consiglio dell’Unione Europea, l’organo che raduna i rappresentanti dei governi dell’Unione, ha disapprovato all’unanimità l’operazione militare che la Turchia sta portando avanti in queste ore contro i curdi siriani nel nordest della Siria, e che negli ultimi sviluppi ha portato a un accordo fra i curdi e il regime siriano di Bashar al Assad. Il comunicato del Consiglio è stato approvato all’unanimità: nelle scorse ore diversi giornalisti che si occupano di istituzioni europee avevano scritto che vari paesi fra cui Regno Unito e Croazia non volevano usare la parola «disapprovare» nel comunicato.

Il comunicato avrà conseguenze soprattutto simboliche: l’UE non interromperà i fondi che versa alla Turchia ogni anno per le politiche di vicinato e di allargamento dell’Unione – circa 400 milioni di euro sia nel 2019 sia nel 2020 – né promuoverà il divieto di vendere armi al governo turco.

(Burak Kara/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.