• Mondo
  • lunedì 14 ottobre 2019

Si è dimesso il capo della gendarmeria del Papa, Domenico Giani

Si è dimesso Domenico Giani, da circa vent’anni capo della gendarmeria vaticana, il corpo armato che si occupa di garantire l’ordine pubblico in Vaticano. Giani si è dimesso dopo che era stato informalmente accusato di non aver trovato la persona che la settimana scorsa aveva fatto trapelare all’Espresso i nomi di cinque funzionari vaticani coinvolti in un’indagine interna su alcuni investimenti immobiliari. Papa Francesco ha accolto le sue dimissioni. Il Corriere della Sera scrive che oltre al caso della fuga di notizie le dimissioni di Giani «si inquadrano in una guerra interna che risale a svariati mesi fa e si è consumata sulla gestione di numerose inchieste delicate, dalla pedofilia alla scomparsa di Emanuela Orlandi, fino alla gestione del patrimonio e ai rapporti tra lo Ior e l’Antiriclaggio».

(ANSA/ETTORE FERRARI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.