(AP Photo/Vahid Salemi)
  • Mondo
  • giovedì 10 ottobre 2019

Le donne iraniane allo stadio

Una cosa quasi unica che non succedeva da quarant'anni, per la partita di qualificazione ai Mondiali di calcio tra Iran e Cambogia

(AP Photo/Vahid Salemi)

Giovedì a Teheran, in Iran, migliaia di donne hanno potuto assistere alla partita di qualificazione ai Mondiali di calcio tra Iran e Cambogia. L’accesso delle donne allo stadio è un evento quasi unico nella storia della Repubblica Islamica, dove da quasi quarant’anni vige una regola che permette solo agli uomini di assistere alle partite di calcio, salvo rarissime occasioni. La decisione è stata presa dal governo iraniano dopo che la Fifa, l’organo di governo del calcio mondiale, aveva minacciato di sospendere la nazionale iraniana dalle competizioni internazionali se non avesse cambiato la norma. Dei 78mila posti disponibili allo stadio Azadi, circa 3mila biglietti erano acquistabili dalle donne, che hanno comunque assistito alla partita da un settore a loro riservato.

La richiesta della Fifa era stata fatta il mese scorso, ma aveva incontrato molte resistenze da parte del governo iraniano. La Fifa aveva preteso che non venisse imposto un tetto al numero dei biglietti venduti, condizione che però non sembra essere stata pienamente rispettata, visti i numerosi problemi riscontrati da molte donne nell’acquisto dei biglietti. Il governo ha inoltre vietato alle giornaliste donne di occuparsi dell’evento.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.