• Mondo
  • mercoledì 9 ottobre 2019

Il governo degli Stati Uniti ha annunciato restrizioni ai visti dei funzionari cinesi accusati di essere complici della repressione dei musulmani nello Xinjiang

Il segretario di stato americano Mike Pompeo ha annunciato che gli Stati Uniti imporranno restrizioni ai visti dei funzionari cinesi, accusati di essere complici nella repressione delle minoranze musulmane nella provincia occidentale dello Xinjiang. In un comunicato diffuso martedì, Pomepo accusa il governo cinese di aver condotto una campagna fortemente repressiva nei confronti delle minoranze musulmane dello Xinjiang – tra cui in particolare gli uiguri – attraverso campi di detenzione, sorveglianza di massa e misure “draconiane” per limitare l’espressione culturale e religiosa.

L’annuncio di Pompeo arriva poco dopo che il governo statunitense aveva inserito nella sua “blacklist” 28 organizzazioni cinesi perché sospettate di essere coinvolte in episodi di sistematici abusi contro la minoranza etnica cinese degli uiguri, che è musulmana e vive per lo più nella provincia occidentale dello Xinjiang. Finire nella “blacklist” significa non poter acquistare prodotti di società statunitensi senza il consenso del governo americano. Tra le organizzazioni sanzionate, ci sono anche agenzie governative e società di tecnologia specializzate nella sorveglianza.

(AP Photo/Seth Wenig)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.