• Mondo
  • lunedì 30 settembre 2019

Almeno due persone sono morte in seguito a un incendio nel campo profughi di Moria sull’isola di Lesbo, in Grecia

Domenica 29 settembre almeno due persone sono morte in seguito a un incendio in un campo profughi a Moria, sull’isola di Lesbo, in Grecia. Lo scrive la principale agenzia stampa greca citando fonti di polizia. Nel campo sono stanziate circa 12mila persone che vivono in condizioni molto precarie, in tendopoli e container che potrebbero ospitare al massimo tremila persone. In seguito all’incendio, le cui cause non sono chiare ma sembrano essere accidentali, nel campo è iniziata una rivolta da parte dei migranti che hanno appiccato altri incendi per protesta. Ci sono stati anche scontri piuttosto violenti con la polizia, che ha usato gas lacrimogeni per sedare la rivolta.

(InTime News via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.